Billboard Radar: dai Post Nebbia a Ziliani, le perle nascoste della settimana

E poi Matteo Crea, CAVA e Novelo. Ecco alcune delle migliori uscite di venerdì 20 maggio
Post Nebbia
Post Nebbia, foto di Ilaria Ieie

Venerdì scorso, il 20 maggio, c’è stato molto da ascoltare. Dal grande ritorno di Harry Styles con il suo Harry’s House a quello di Ghali con Sensazione Ultra, le uscite non hanno certo lasciato a desiderare. Ma il Billboard Radar ha bisogno di scavare un po’ più a fondo, e di trovare non solo ciò che si può ascoltare oggi, ma ciò che andrà forte domani. Allacciate quindi le cinture: si parte per un altro viaggio fra le uscite più interessanti della settimana.


Post Nebbia – Entropia Padrepio

Tra le band più interessanti degli ultimi anni, questa era una delle uscite più attese del periodo. E i Post Nebbia non deludono. Il loro nuovo album Entropia Padrepio è un viaggio psichedelico, che sa fondere tante influenze diverse, a confermare la voglia di sperimentazione e capacità compositiva del progetto. Inoltre i testi di questo lavoro sono davvero ben fatti. Carlo Corbellini, mente dei Post Nebbia, racconta un’autoanalisi tutt’altro che superficiale, tra la ricerca di un nuovo credo e un percorso verso una nuova coscienza. Ci sono alcuni dischi di cui si può percepire l’immediatezza, il bisogno dell’artista di comunicare le sue sensazioni e i suoi sentimenti. Entropia Padrepio è esattamente questo, una vera e propria espressione dei Post Nebbia, che fanno tutto fuorché adagiarsi sugli allori, e invece continuano a cercare nuove note e parole per raccontarsi.  


Billboard Radar: Pensiero magico, Cristallo metallo

Matteo Crea – A casa dei miei

“Tutto farei pur di non stare a casa dei miei”. L’abbiamo detto tutti almeno un milione di volte e lo ribadisce Matteo Crea in A casa dei miei. «Ho scritto questa traccia quando un caro amico mi ha raccontato di non poter più fare sesso con la sua ragazza perché viveva in una casa talmente piccola che dormiva nel matrimoniale con la nonna, unica persona che gli era rimasta in quel periodo». Il brano, primo a firma Latarma Records in collaborazione con BMG, racconta la voglia di indipendenza, abbracciando così una questione generazionale che riguarda molto da vicino tutti coloro che non riescono, per diversi motivi, ad abbandonare il “nido”.

CAVA – we come in peace!

Per la quota di musica left-field del Billboard Radar, i CAVA ci regalano we come in peace! Il duo romano, che unisce elettronica, indie e pop in un mix unico e affascinante, si diverte usando la loro stessa voce come sample. “Questa canzone, e i prossimi singoli, rappresentano un viaggio personale e ottimista di scoperta ed esplorazione attraverso suoni e parole”. Il risultato è che we come in peace!, con il suo stile quasi alieno, sembra un vero e proprio invito a vivere a pieno le cose, a prendersi sul serio, a non perdere neanche un istante. Inoltre, il video è un vero e proprio trip.

Novelo – Oggi se ne va

Il nuovo brano di Novelo, giovane artista napoletano, è un pezzo malinconico ma carico allo stesso tempo. “È l’ultimo brano di “quel” Novelo: Oggi se ne va è l’epilogo di quella storia, il passaggio da quello che sono stato a ciò che sarò. La versione alternativa di un pianto a squarciagola”. E infatti suona proprio come uno sfogo, quando hai voglia solo di pompare il volume dello stereo e soffrire mentre la musica copre i singhiozzi. Novelo sa raccontare una relazione finita male con un atteggiamento quasi auto-ironico, rendendo il pezzo leggero ma significativo allo stesso tempo.

Ziliani – Clichè

Anche se il nome può ingannare, Clichè di Ziliani è tutt’altro che scontato. Infatti, dietro a ritmi e generi in qualche modo già riscoperti ultimamente (Nu Genea sopra tutti), si nascondono testi più profondi di quanto non possa apparire. Lo stile revival anni ’70, portato nel 2022 in maniera eccellente, regala a tutte le tracce la perfetta base per ballare “come se finisse il mondo”. Sì perché, sopra quella musica travolgente, Ziliani ci parla di come vivere al meglio la vita, lasciandosi andare e cercando di godersi ogni istante. Con uno stile scanzonato, l’artista di Riva del Garda ci regala delle piccole cartoline, delle vere e proprie storie, ognuna con il suo sound particolare. Clichè è un progetto fresco e divertente, che coinvolge dal primo all’ultimo brano. Perfetto per l’estate, come per il Billboard Radar.

Billboard Radar: Libertà criminale; No no, grazie a te


Articolo Precedente
Patti Smith ad Amsterdam nel 1976 (foto di Gijsbert Hanekroot)

The Sonos Guide: 1977, quando le donne alzarono la cresta

Articolo Successivo
Eduardo De Crescenzo

Eduardo De Crescenzo pubblica "Avvenne a Napoli", raccolta di musica e storie della città

Articoli correlati

Total
0
Share