Wisin lancia l’etichetta discografica La Base Music

Dopo la sua esperienza come giudice nei reality show La Voz e La Banda, Wisin ha deciso di dedicarsi al cento per cento ai nuovi talenti
Wisin lancia l'etichetta discografica La Base Music
Wisin. Credit: Carlos Perez/Elastic People

Con l’idea di supportare il talento emergente latin, Wisin ha lanciato la sua etichetta discografica, La Base Music.

L’hitmaker ha raccontato in esclusiva a Billboard US di essere stato ispirato nel diventare una risorsa per i giovani talenti e aiutarli a promuovere la loro carriera grazie alle sue esperienze come coach nei reality show La Voz e La Banda.

«C’è così tanto talento per le strade. Ci sono artisti che non hanno gli strumenti per ottenere grandi risultati o che non hanno alcuna direzione nella loro carriera», ha spiegato Wisin. «Era solo una questione di tempo per me per fare qualcosa del genere e ho lavorato per creare uno studio di alto livello in grado di competere con qualsiasi altro studio in tutto il mondo».

Con sede a Porto Rico, paese nativo di Wisin, La Base Music ha già lanciato Chris Andrew e Abdiel Larralde. Pubblicheranno presto nuova musica per l’etichetta.

«I nostri nuovi artisti hanno potenziale», ha aggiunto Wisin. «Questa è la cosa più importante per noi qui a La Base. L’atteggiamento è tutto. Sto cercando persone che vogliono crescere ma anche ascoltare. Siamo qui con l’intenzione di fare buona musica. Abbiamo appena finito l’album di Ozuna alla Base e abbiamo quasi finito il prossimo disco di Wisin & Yandel».

L’artista ha affermato di non voler prendere alla leggera questa nuova avventura in quanto comporta una grande responsabilità. «Sono grato che la vita mi abbia dato l’opportunità di diventare una risorsa per artisti che forse tra tre o quattro anni saranno grandi musicisti. È molto appagante e mi rende orgoglioso di poter ancora contribuire alla musica».

Articolo Precedente
Martina Beltrami - Luci Accese - anteprima - 1

Guarda in anteprima il video di "Luci Accese" di Martina Beltrami

Articolo Successivo
Coronavirus: niente concerti in Italia fino al 3 aprile

I live senza pubblico e in streaming (a pagamento) aiuteranno l'industria?


Articoli correlati
Total
1
Share