Gli ultimi cinque anni sono stati d’oro per la spinta degli artisti R&B. The Weeknd è ovunque nelle classifiche pop. Frank Ocean è di casa. Miguel seduce le masse. E poi c’è Anderson .Paak, un cantante carismatico, rapper e batterista con un talento speciale nello scrivere canzoni funk e profondamente commuoventi.

“Con la nuova generazione R&B, le influenze stanno cominciando a cambiare – racconta .Paak a Billboard – Creo musica soul ma ci sono molte altre influenze esterne: indie rock, elettronica, dance”.

Tutti questi suoni si possono ritrovare nell’album di .Paak del 2016, Malibu, che gli è valso una nomination ai Grammy per il Best Urban Contemporary Album. .Paak è stato inoltre nominato come Best New Artist e nonostante abbia perso in entrambe le categorie, i Grammy del 2017 non sono stati un completo disastro. Ha suonato la batteria con A Tribe Called Quest: vincere non era veramente l’obiettivo.

“Il fatto che il nostro album sia semplicemente stato considerato significa molto per noi – continua .Paak racconta – È un risultato enorme per noi in ogni caso”.

Il successo di Malibu nel 2016 ha regalato al rapper originario di Oxnard, California, il suo secondo anno consecutivo di successi. Nel 2015, dopo anni di tentativi mentre sosteneva economicamente la moglie e il figlio piccolo, .Paak ha avuto l’opportunità di lavorare con Dr. Dre al suo terzo album, Compton. Comparendo in sei tracce, .Paak è emerso come il “most valuable player” nell’album e ha guadagnato un accordo con l’etichetta di Dre, Aftermath.

Al tempo in cui .Paak firmò con Dre nel tardo gennaio 2016, Malibu uscì e cominciò a raccogliere entusiasmanti recensioni. In aggiunta al mix di sound dell’album – il rapper neo-soul di Heart Don’t Stand a Chance, il saltellante G-funk di Am I Wrong, in collaborazione con Schoolboy QMalibu fu notato per la natura della composizione di .Paak. Figlio di un padre violento, tossicodipendente che morì in prigione, e di una madre metà afroamericana e metà coreana in carcere per problemi di tasse, .Paak ha tantissime esperienze di vita da raccontare.

“Il motivo per cui penso che abbia avuto un tale impatto è perché è vero, proviene dal cuore, è personale – spiega .Paak riguardo a Malibu – Erano tante persone che facevano tante cose allo stesso tempo. È la mia storia, la storia della mia band.”

Il prossimo capitolo della storia deve essere ancora scritto. Tranne qualche collaborazione (il produttore australiano Moonbase, il cantautore SiR, Rapsody della North Carolina) e una versione remixata di Yes Lawd!, il debutto del suo progetto neo-soul NxWorries, .Paak non ci ha offerto molta musica nuova nel 2017. Racconta però di aver registrato qualcosa con Flying Lotus, Chance the Rapper e ScHoolboy Q. Inoltre, ad Aprile, è stato visto agli Abbey Road Studios di Londra con Bruno Mars, Nigel Rodgers e uno dei Disclosure.