NFT: Boosta presenta il progetto audiovisivo “Music Is Art”

Il musicista, storico tastierista dei Subsonica, ha lanciato una serie di opere audiovisive in collaborazione con l’artista croato Danijel Žeželj
Boosta - Music Is Art - NFT - 1
(Fonte: ufficio stampa)

Fra gli artisti italiani che si sono lanciati all’esplorazione delle nuove frontiere degli NFT, Boosta è stato fra i primi – e più entusiasti – sperimentatori. Il musicista, storico tastierista dei Subsonica, ha dato vita al progetto Music Is Art in collaborazione con l’artista croato Danijel Žeželj e la startup Genuino.

Si tratta di una serie di opere audiovisive acquistabili tramite NFT che ha visto la luce sabato 5 giugno sulla piattaforma Makersplace. Lì gli utenti possono acquistare uno dei cinque contenuti video (con composizioni di Boosta e visual illustration di Danijel, che insieme andranno a comporre l’inedito “Quadrato magico di Marte musicale”), una delle cinque illustrazioni dell’artista e un “Masterpiece” (il manifesto musicato di Boosta che racchiude il concept di questo intero progetto). Nei prossimi giorni arriveranno i dettagli sull’intera collezione.

Chi acquista il contenuto audiovisivo o il masterpiece potrà assistere in esclusiva a una performance dal vivo dei due artisti, fra musica e arte illustrativa. Gli utenti che invece acquisteranno un’illustrazione riceveranno anche in versione fisica l’opera d’arte di Danijel. Gli acquisti possono essere effettuati con carta di credito o cripto-valuta Ethereum.

Boosta presenta il progetto “Music Is Art”

Abbiamo chiesto quindi a Boosta di presentarci questo nuovo progetto legato agli NFT. Ecco quello che ci ha raccontato:

“Music Is Art” nasce proprio dall’assunto che racchiude il titolo stesso: “La musica è arte”. Ogni tanto penso si tenda a dimenticarlo, forse perché ormai è talmente diffusa e talmente facile da raggiungere che viene intesa semplicemente come intrattenimento. Ma in realtà è la forma d’arte più semplice e immediata per gli utenti che la ricevono. Sono felice di aver collaborato con un artista incredibile come Danijel. Ha creato delle illustrazioni così suggestive da farti compiere, insieme alla musica, un viaggio sempre nuovo. E la startup Genuino ha saputo condividere totalmente la mia visione.

Gli NFT sono uno strumento nuovo che permette a chi è incuriosito da quello che creo di scegliere un estratto della mia arte e di custodirlo. Senza dimenticare di averlo lì, confuso insieme a migliaia di altre opere. Se è vero che non entriamo ogni giorno in un museo è molto improbabile che uno di noi non abbia una colonna sonora che lo accompagna giorno dopo giorno per tutta la vita. Questo tipo di arte ha però necessità e bisogno di essere curata. Per questo motivo abbiamo voluto spostare il punto di vista su questo dettaglio, che poi tanto piccolo non è.

Nel momento in cui tutto si è digitalizzato, atomizzato, disgregato, comprimendosi in uno smartphone e perdendo la sua versione fisica, l’idea di riprendere a inseguire, desiderare, cercare e possedere della musica credo sia un segnale forte per tutti. In questo modo è come tornare all’acquisto di un disco fisico, magari in edizione limitata, il cui possesso ha una sua esclusività. La digitalizzazione della musica ha sicuramente aperto nuovi spiragli e grandi opportunità, ma non ha di certo portato a un’economia sostenibile e tende sempre di più a imporre un peggioramento della qualità del prodotto stesso che arriva sul mercato.

Con questo tipo di diffusione invece si restituisce un valore virtuoso alla musica e all’artista che finalmente è libero di esprimersi, al di fuori dei soliti schemi. Inoltre con questo sistema di diffusione della musica il rapporto tra chi produce e chi fruisce diventa sicuramente più diretto. Anche per questo motivo abbiamo deciso di associare alle opere delle esperienze uniche ed esclusive, per premiare la scelta e l’acquisto delle nostre creazioni. Questo legame così intimo dona nuovamente valore alla musica e si allontana dal semplice consumo. Un altro aspetto fondamentale che questo sistema supporta è rieducare l’ascoltatore a un ascolto meno distratto e più accurato della musica, scegliere la musica che davvero si vuole ascoltare.

Articolo Precedente
Women - foto di Priscilla Du Preez - Unsplash

Women Female Label & Arts, nasce la prima etichetta italiana tutta al femminile

Articolo Successivo
Billie Eilish

Billie Eilish e altri con UNICEF in una lettera per donare i vaccini

Articoli correlati
Total
9
Share