Nadezhda delle Pussy Riot ha raccolto più di 6 milioni di dollari con l’ NFT della bandiera ucraina

La cantante della band punk ha aiutato a creare un NFT della bandiera del Paese. Il ricavato sarà donato per la difesa dello Stato
Nadezhda Tolokonnikova, Matthew Eisman/GI for Icelandic Glacial

Mentre l’assalto russo all’Ucraina è entrato nella sua seconda settimana, Nadezhda Tolokonnikova, membro delle Pussy Riot, ha collaborato con UkraineDAO per offrire un NFT della bandiera della nazione sotto assedio. L’iniziativa ha raccolto, ad oggi, più di 6,7 milioni di dollari.


I soldi, destinati alle difese del Paese, sono arrivati dopo che il governo dell’Ucraina ha annunciato che accetterà donazioni in criptovalute per finanziare lo sforzo di difesa. Secondo gli organizzatori, la vendita è il più grande contributo cripto basato su NFT in favore dell’Ucraina fino ad oggi. È stata organizzata dopo che Putin ha concentrato più di 100.000 truppe sul confine del Paese e lanciato un’offensiva che ha ucciso migliaia di civili nel corso della scorsa settimana.


L’impegno è nato da una chat tra Trippy Lab, PleasrDAO e Nadya Tolokonnikova, il cui gruppo è stato una spina nel fianco di Putin per più di un decennio. Al progetto sono state poi aggiunte «altre persone con vari background in tecnologia, esperienza contrattuale, attivisti, artisti, influencer, editori, media. Veramente uno spaccato di persone con un obiettivo comune per aiutare gli ucraini sul terreno immediatamente».

Il gruppo ha spinto per offrire un «simbolo del popolo ucraino, piuttosto che concentrarsi su un particolare artista o su un’estetica». In una dichiarazione a sostegno della vendita, la Tolokonnikova ha detto: «Abbiamo volutamente evitato di aggiungere la nostra arte a questa pubblicazione. In un certo senso è la nostra forte dichiarazione artistica concettuale. Le persone possono avere un’estetica diversa, ma non si tratta di quale colore preferiamo, si tratta di unirsi per salvare vite».

Nel corso della scorsa settimana, la bandiera blu e gialla del paese è diventata un simbolo di protesta, unità e solidarietà in tutto il mondo. È ora in innumerevoli feed di social media, e era visibile anche durante il discorso del presidente Joe Biden, martedì 1 marzo.

L’impegno di Nadezhda Tolokonnikova

In un tweet, Tolokonnikova ha parlato del suo impegno per la verità e la lotta contro la guerra. «Io credo che abbiamo solo una vita, e dobbiamo viverla in modo da non vergognarci sul letto di morte».

«Sto andando contro uno degli individui più potenti del pianeta. Sì, implica certi rischi, ma sono pronta a vivere con questi rischi».

Tolokonnikova è uno dei tre membri delle Pussy Riot incarcerati nel 2013 dalle autorità russe, dopo una protesta per i diritti umani a ridosso delle Olimpiadi invernali di quell’anno, a Sochi. Era stata già condannata a due anni di carcere nel 2012 dopo una performance di guerriglia nella cattedrale principale di Mosca. L’accusa era di “teppismo”, avendo cantato una preghiera punk che implorava la Vergine Maria di salvare la Russia da Putin.

La bandiera ucraina NFT è stata prodotta come una singola edizione sulla blockchain di Etherum. I contributi vanno da poco meno di 3 centesimi a più di 128.000 dollari, e si sono registrate più di 3.200 offerte individuali in poco più di 72 ore, secondo la CNN. Gli organizzatori hanno detto che tutti i fondi andranno allo sforzo Come Back Alive a sostegno dell’esercito ucraino. Questo finora ha sostenuto una strenua difesa contro la grande forza d’invasione russa, con l’aiuto dei cittadini che hanno fatto di tutto, dalle molotov fatte in casa a mettersi di fronte ai carri armati per fermarne l’avanzata.

La Russia isolata

Il mondo si è unito per tagliare fuori la Russia su molti fronti. Dalla cancellazione della prima di film attesi come The Batman, alla limitazioni nel sistema bancario internazionale e negli eventi sportivi, all’imposizione di sanzioni. Tolokonnikova ha detto a Yahoo! Entertainment che usare la blockchain come strumento organizzativo aveva perfettamente senso.

«Ci aiuta a portare i nostri sforzi a livello globale. In questi giorni stiamo affrontando problemi globali come la pace e la guerra, il cambiamento climatico, la disuguaglianza globale, e tutti questi problemi devono essere affrontati dalla comunità globale. Non possono essere risolti solo a livello di stato-nazione».

«Credo che blockchain ci permetta di comunicare e organizzare i nostri sforzi senza essere sanzionati dai governi o dalle corporazioni. Si parla di una possibilità di guerra nucleare. Non è uno scherzo. Stiamo parlando di qualcosa che mette in discussione l’esistenza dell’umanità».

Chiamando Putin un «dittatore sanguinario», «criminale di guerra» e un «terrorista che minaccia la pace e la sopravvivenza della specie umana», Tolokonnikova ha detto che la situazione sarebbe peggiore se l’ex presidente Trump fosse ancora in carica. Trump ha commentato le azioni aggressive di Putin come piene di genio e astuzia, nelle 24 ore successive all’aggressione. Ha inoltre affermato in un’intervista che gli Stati Uniti potrebbero usare quel tipo di forte “forza di pace” per assicurare il loro confine meridionale.


Articolo Precedente
Tommaso Paradiso, foto ufficio stampa

Tommaso Paradiso, la forza del passato e il potere dell’ozio: storia di uno “Space Cowboy” purosangue

Articolo Successivo
Bresh

L'"Oro Blu" di Bresh, dal legame con il mare ai brani per spogliarsi completamente. L'intervista

Articoli correlati
Statuetta Emmy Awards 2021
Leggi di più

Emmy Awards 2021, tutti i vincitori

I 73esimi Emmy Awards si sono conclusi ieri a Los Angeles con tantissimi nomi e titoli premiati, soprattutto delle nuove piattaforme streaming: da "Ted Lasso" a "La regina degli scacchi", ecco tutti i vincitori

Total
6
Share