Music for Change, svelati i 25 semifinalisti del contest

Le fasi finali del concorso organizzato da Musica Contro le Mafie si terranno il 3 e 4 settembre al Mood Social Club di Rende
Music for Change - foto di Daniel Chekalov - Unsplash
Foto di Daniel Chekalov / Unsplash

Sono stati svelati i nomi dei 25 semifinalisti di Music for Change 2022. Si tratta di Esdra, Sete, Alo, Valerio Lysander, Lorenzo Lepore, Sgrò, Frenesi, Heren Wolf, Luk, Gold Mass, Bruna, Riva, Giovanni Amirante. E ancora: Alex Allyfy, Kyotolp, Etta, Flic Floc, Iosonorama, Carvaggio, Shudew, Quaranta, Hanami, Olivia XX, Dalen, Vandarko. Gli artisti sono quindi ammessi alla fase delle audizioni live del 3 e 4 settembre presso il Mood Social Club di Rende (provincia di Cosenza).


Al contest si sono iscritti 803 artisti provenienti da tutta Italia. La giuria di esperti che ha selezionato i semifinalisti era composta da: Silvia Danielli, condirettrice di Billboard Italia; Diletta Parlangeli, conduttrice e giornalista di Rai Radio 2 e Rai Play; Claudia Mazziotta, redattrice di Rockit; Gianni Maroccolo, produttore e musicista; e Gennaro de Rosa, direttore artistico di Music for Change.


Hanno votato anche il pubblico (tramite la piattaforma online) e la giuria “Alpha Zoomer”, formata da giovani tra i 10 e 25 anni provenienti dall’Area Penale esterna e interna di Milano, Bologna, Bari, Airola (BN) e Catanzaro e dai giovani partecipanti a “E!State Liberi!”, i campi di impegno e formazione sui beni confiscati.

Le audizioni del 3 e 4 settembre saranno valutate da un’altra apposita commissione. La formano Gennaro de Rosa, Gianni Maroccolo, Maurizio Capone (musicista e fondatore di BungtBangt, collettivo musical-ambientalista), Cecilia Cesario (vocal coach, già con questo ruolo nella scuola di Amici) e Stefano Amato (musicista e compositore, già al lavoro con Brunori).


Articolo Precedente
Paul Kalkbrenner - Social Music City

Social Music City: Paul Kalkbrenner e Salmo saranno i protagonisti dell’evento a Rimini

Articolo Successivo
Beyoncé - foto di Carlijn Jacobs

Beyoncé è stata criticata per aver utilizzato un termine dispregiativo per le persone con disabilità in un suo brano

Articoli correlati

Total
17
Share