Il rapper XXXTentacion è stato ucciso in Florida a colpi di pistola

Il rapper XXXTentacion è stato ucciso a colpi di pistola ieri in Florida, in quello che la polizia ha chiamato un apparente tentativo di rapina
XXXTentacion
XXXTentacion

Il travagliato rapper XXXTentacion è stato ucciso a colpi di pistola ieri, lunedì 18 giugno, in Florida, in quello che la polizia ha chiamato un apparente tentativo di rapina. Gli investigatori non hanno trovato nessun movente e al momento non è stato fatto nessun arresto.

L’artista di 20 anni (vero nome Jahseh Dwayne Onfroy) è stato dichiarato morto lunedì sera all’ospedale di Fort Lauderdale. Aveva ricevuto gli spari di una pistola poco prima fuori da un concessionario di moto a Deerfield Beach.

XXXTentacion è stato al RIVA Motorsports per controllare l’inventario, ha dichiarato Keyla Concepcion.

Si trovava in una BMW i8 nera e si stava preparando per andarsene prima delle 4 di pomeriggio quando due uomini armati gli si sono avvicinati. Uno di loro ha sparato e subito dopo entrambi sono scappati in un suv nero, ha affermato Concepcion.

Stephanie Martinez, una madre ventinovenne che abita nella zona, stava tornando a casa dalla piscina con i suoi bambini quando ha sentito tre spari. Ha guidato fino alla fine della strada e ha visto il corpo del rapper nella macchina.

«Aveva la bocca aperta. Due persone hanno controllato il suo polso», ha detto Martinez, che ha anche visto del sangue. «È davvero strano anche perché avrebbe dovuto avere la sicurezza con lui».

Su Twitter, i suoi colleghi hanno espresso il loro shock e la loro tristezza.

I messaggi dei colleghi di XXXTentacion

Kanye West ha detto: «Riposa in pace… Non ti ho mai detto quanto mi hai ispirato quando eri qui. Grazie per esserci stato». Il producer Diplo ha postato una foto di loro due e ha scritto: «Grazie per avermi ispirato così tanto». Travis Barker ha twittato: «Non so davvero cosa dire… Sono senza parole. #RIPXXXTentacion ho amato collaborare con te. Eri un vero artista…».

J.Cole ha poi detto: «RIP X. Talento enorme, potenziale infinito e un grande desiderio di essere una persona migliore. Dio benedica la sua famiglia, i suoi amici e i suoi fan».

L’artista, che indossava rasta e un gran numero di tattoo in faccia, era una star nascente: aveva conquistato la #1 a marzo con il suo secondo disco ? e ha raggiunto la top 10 con Sad! ma stava affrontando il problema di aver picchiato la sua fidanzata incinta.

XXXTentacion ha accumulato un gran numero di ascolti in streaming: su Spotify la sua Sad! ha più di 27o milioni di stream e questa settimana si trovava nella Top 50 negli Stati Uniti e nel mondo. Ha anche alcune canzoni dichiarate platino, come Changes, Roll in Peace e Look At Me. 

In un’intervista con XXL magazine, che lo ha nominato come uno dei gli artisti emergenti più importanti dello scorso anno, il rapper ha citato Nirvana, Notorious B.I.G e Tupac Shakur tra le sue influenze musicali.

«Chiaramente io sono uno dei più forti di questa generazione, la generazione imminente, lo dico come artista. E lo dico umilmente», aveva detto in una video intervista lo scorso anno.

Le controversie legate alla carriera di XXXTentacion

Ma gran parte della sua breve carriera è stata minata da controversie. Nel 2016 è stato arrestato per un incidente del 2015 , e meno di un mese dopo è stato arrestato perché ha colpito la sua ragazza, che al tempo era incinta, ed è stato incarcerato.

Riguardo a un attacco del giugno 2017 a un concerto a San Diego, è stato postato questo messaggio sull’account Twitter di XXXTentacion: «La sicurezza e il locale mi hanno istigato. È stato un colpo basso, e mi ha fatto male. È quello che è».

Un tweet successivo diceva: «La prossima volta assicuratevi di uccidermi così che non potrò più parlare».

È stato rilasciato dalla prigione agli arresti domiciliari lo scorso anno ed è stato rimesso in libertà per permettergli di girare in tour.

Il suo fan ventunenne Wyatt Rubin è corso nel luogo del delitto lunedì appena ha potuto, suonando in macchina la canzoni del rapper Jocelyn Flores King.

«Stava maturando come persona e come artista…», ha detto Rubin.

La sua infanzia è stata molto difficile

In un’intervista di questo mese con il Miami New Times, XXXTentacion ha descritto la sua educazione, che ha incluso vedere pochissimo sua madre ed essere cresciuto da amici, altre famiglie e babysitter. Sua madre avrebbe voluto comprargli vestiti, telefoni e altri regali. Ha raccontato al giornale che lui usava la violenza per essere coinvolto con lei.

«Ero solito picchiare i bambini a scuola solo perché così potevo parlare un po’ con lei», aveva raccontato.

XXXTentacion era stato tolto dalle playlist promosse da Spotify lo scorso maggio, per rispettare la nuova policy sulla musica che incita all’odio. Ma dopo la reazione negativa dell’industria musicale, Spotify ha fatto marcia indietro e ha detto che non avrebbe più fatto riferimento alla condotta dell’artista e ha re-inserito la musica di XXXTentacion nelle sue playlist (non hanno fatto la stessa cosa con R.Kelly).

I messaggi di XXXTentacion sulla depressione

Mentre continuava ad avere problemi con la legge, l’artista ha connesso milioni di fan alla sua musica. Tra gli argomenti di cui era solito parlare, compariva spesso la depressione.

In un video postato sui social media, ha detto: «Nel peggiore dei casi morirò tragicamente, e non sarò in grado di vedere realizzati i miei sogni, ma voglio almeno sapere che i ragazzi hanno ricevuto i miei messaggi e sono stati in grado di fare qualcosa della loro vita».

Ha poi continuato: «Amo tutti voi e credo in tutti voi. Non fate in modo che la depressione vi determini, non lasciate che il vostro corpo decida la vostra anima, lasciate che sia la vostra anima a definire il vostro corpo. La vostra mente è illimitata… Siete molto di più di quello che credete».



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente
Salud!

Beyoncé e Jay-Z pubblicano il nuovo singolo "Salud!"

Articolo Successivo

Guarda in anteprima il videoclip di "Non Ti Ho Detto Mai" di Caterina


Articoli correlati
Total
0
Share