Michael Kiwanuka ha vinto il Mercury Prize 2020

L’artista britannico si è aggiudicato il prestigioso premio per il suo terzo album in studio, uscito l’anno scorso, che ha avuto la meglio su grossi nomi come Dua Lipa e Charli XCX
Michael Kiwanuka - Mercury Prize 2020

Il terzo disco di inediti di Michael Kiwanuka, intitolato semplicemente KIWANUKA, è vincitore dell’edizione 2020 dello Hyundai Mercury Prize come album dell’anno. Annie Mac, host di BBC Radio 1, ha annunciato il vincitore in onda durante The One Show nella serata di martedì 24 settembre, come riportato da Billboard USA.

L’album di Kiwanuka ha avuto quindi la meglio su successi come Future Nostalgia di Dua Lipa e How I’m Feeling Now di Charli XCX. Il Mercury Prize ha premiato il migliore album uscito fra il 20 luglio 2019 e il 17 luglio 2020.

KIWANUKA ha raggiunto la seconda posizione della classifica ufficiale degli album nel Regno Unito, ma non ha superato la 142° nella Billboard 200. I critici comunque l’hanno accolto molto favorevolmente: sull’aggregatore di recensioni Metacritic, l’album vanta un solido punteggio di 89.

La giuria del Mercury Prize ha dichiarato: “Classico e contemporaneo al tempo stesso, attingendo alla storia della musica pur rimanendo un lavoro intensamente personale di espressione di sé, questo è un album che resiste alla prova del tempo. Caldo, ricco, perfettamente riuscito e non appartenente a nessun genere se non a se stesso, KIWANUKA è un capolavoro”.

Michael Kiwanuka ha commentato così la vittoria: «La musica e l’arte significano moltissimo per me e questo premio intende celebrare proprio questo. Sono davvero al settimo cielo».

Ha anche aggiunto che «la terza volta porta bene», riferendosi al fatto che i suoi due album precedenti erano fra i candidati al premio ma non vinsero. Il suo album d’esordio, Home Again, nel 2012 fu battuto da An Awesome Wave degli Alt-J, mentre la sua seconda prova, Love & Hate, perse contro Konnichiwa di Skepta nel 2016.

Vincitore del Mercury Prize dell’anno scorso fu Psychodrama di Dave, che – proprio come KIWANUKA – aveva canzoni riguardanti le tematiche razziali.

Altri vincitori del passato includono molti album che hanno avuto successo anche negli Stati Uniti, come nel caso di Franz Ferdinand della band omonima (2004), Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not degli Arctic Monkeys (2006), xx dei The xx (2010) e Overgrown di James Blake (2013).

A differenza dei Grammy, il Mercury Prize rende pubblici i nomi delle persone che hanno preso parte alla giuria. Jeff Smith, head of music di BBC Radio 6 Music e BBC Radio 2, ha presieduto quella di quest’anno, che includeva quattro artisti: Jorja Smith (nominata ai Grammy del 2018 come Best new artist), Jamie Cullum, Anna Calvi e Gaz Coombes.

Gli altri undici album candidati erano i seguenti:

Anna Meredith – Fibs

Charli XCX – How I’m Feeling Now

Dua Lipa – Future Nostalgia

Georgia – Seeking Thrills

Kano – Hoodies All Summer

Lanterns on the Lake – Spook the Herd

Laura Marling – Song for Our Daughter

Moses Boyd – Dark Matter

Porridge Radio – Every Bad

Sports Team – Deep Down Happy

Stormzy – Heavy is the Head

Ascolta l’album KIWANUKA in streaming

Articolo Precedente
Fedez

La "Bella Storia" di Fedez contro una violenza che non ha mai fatto ridere

Articolo Successivo

Gazzelle: «"Destri" è la mia voglia di spaccare tutto dopo la quarantena»

Articoli correlati
Total
1
Share