Dopo le dichiarazioni rilasciate al Daily Mail pochi giorni fa, il mondo ha dato l’annuncio dell’imminente ritiro dalle scene di Michael Bublé. Nell’accorata intervista, l’artista aveva fatto riferimento alla malattia del figlio Noah e alla volontà di chiedersi cosa effettivamente conti nella vita. Conseguentemente Bublé aveva affermato che il suo album Love (in uscita il prossimo 16 novembre) sarebbe stato l’ultimo della sua carriera. La notizia ha chiaramente fatto discutere il mondo intero.

Oggi, invece, arriva il dietrofront. Non dal crooner canadese in persona ma dalla portavoce Liz Rosenberg. In un’intervista a Insider, ha infatti raccontato: «Michael Bublè non ha assolutamente in programma un ritiro dalle scene. Non ero presente al momento dell’intervista ma si tratta sicuramente di una frase priva del suo contesto».

E ha continuato: «Forse, avendo raccontato delle diverse emozioni che ha attraversato questi ultimi anni, potrebbe anche aver avuto quel pensiero per qualche tempo. Ma vi assicuro che oltre al nuovo album in uscita, ci sono in programma apparizioni in TV e un possibile tour. Insomma: non andrà in pensione!».