Dopo anni di dibattiti, il creatore dei Simpsons Matt Groening ha finalmente chiarito le voci relative al cameo di Michael Jackson in una puntata. Il tutto durante un’intervista dello scorso 29 agosto rilasciata a The Weekly.

Durante l’intervista, è stato chiesto a Groening se avessero davvero coinvolto Michael Jackson per una puntata. Lo sceneggiatore ha confermato che i Simpsons non hanno avuto un cameo di “Michael Jackson” grazie a un imitatore: la voce che compariva era quella del vero Michael Jackson. «Non devi metterlo tra virgolette», ha detto Groening. «L’abbiamo davvero avuto con noi».

Groening ha spiegato che il cantante l’ha chiamato inaspettatamente un giorno, chiedendo di essere presente nello show. Come è comprensibile, all’inizio non credeva nemmeno che fosse davvero lui al telefono.

«Ero seduto in ufficio a notte fonda, il telefono ha squillato e io ho risposto», ha detto. Quando la voce dall’altra parte ha risposto: «Ciao, sono Michael Jackson», ha pensato che fosse uno scherzo. Così, Jackson ha chiamato di nuovo e ha insistito sul fatto che fosse davvero lui. «Mi ha detto che amava Bart e che voleva essere nello show», ha spiegato Groening.

In un episodio della terza stagione intitolato Stark Raving Dad, il suo personaggio diventa amico di Homer in un istituto psichiatrico. Finiscono per lasciarlo insieme giusto in tempo per il compleanno di Lisa.

I personaggi di Bart e Jackson interpretano una commovente versione di Happy Birthday Lisa, ma la felicità post-compleanno scompare rapidamente quando il personaggio di Jackson rivela che in realtà non è veramente The King of Pop.



Groening ha poi spiegato che Jackson è apparso realmente per le parti parlate, ma hanno dovuto usare un imitatore della sua voce per i momenti in cui canta per evitare di violare le condizioni del suo contratto. «C’erano accordi molto restrittivi con la sua casa discografica, quindi quando è arrivato il momento di cantare le canzoni, hanno usato un cantante dalla voce simile», ha detto Groening. «Michael si è fermato lì e si è messo a guardare il tizio che era così nervoso che doveva cantare “come Michael Jackson”. Poi si è messo a ridere».

L’intervista integrale di Matt Groening sul cameo di Michael Jackson nei Simpsons