Matt Bellamy: ascolta il singolo da solista del cantante dei Muse

Il frontman dei Muse ha pubblicato il brano Tomorrow’s World, registrato durante il lockdown. Ecco come lo stesso Matt Bellamy lo ha raccontato
Tecnologia e fantascienza: i Muse stupiscono San Siro
Elena di Vincenzo

È di fatto il secondo brano da solista della sua carriera. Matt Bellamy è chiaramente sinonimo di Muse (band della quale è frontman da ormai molto tempo). Ma in certi momenti forse è necessario sentirsi soli per raccontarsi a pieno. E, soprattutto, alcune condizioni esterne possono impedire la normale routine lavorativa anche di una super band.

E in effetti, Tomorrow’s World (uscito oggi, venerdì 8 maggio) di Matt Bellamy è un brano che l’artista ha scritto e registrato proprio durante il lockdown di queste settimane. Un vero e proprio messaggio di speranza che il cantante ha voluto regalare al proprio pubblico di tutto il mondo.

«In questa canzone esprimo i miei sentimenti e il mio stato d’animo durante il lockdown. Mi ha costretto a pensare a quello che conta veramente nella vita. E ho provato un senso di ottimismo crescente, di gratitudine e speranza per il futuro», ha iniziato Bellamy.

«Il titolo arriva da un vecchio show della BBC, Tomorrow’s world, che guardavo da piccolo negli anni 80. Mi è sempre piaciuto quel loro modo di rappresentare in maniera sfrontatamente futuristica quello che sarebbe diventato il mondo di oggi», ha continuato il frontman dei Muse

E ancora: «Riguardandolo ora mi sembra una rappresentazione totalmente ingenua, adorabile e confortante al tempo stesso, e mi ricorda che nessuno di noi può veramente sapere cosa ci riserva il futuro».

Il videoclip della canzone è stato girato con il cellulare dallo stesso artista ed è già disponibile qui.

Guarda qui il video di Tomorrow’s World di Matt Bellamy

Articolo Precedente
L'anno da record di Tones and I in un unico videoclip

Tones and I: un unico videoclip riassume il suo anno pazzesco

Articolo Successivo
I Fast Animals And Slow Kids, foto ufficio stampa

I Fast Animals And Slow Kids rispondono al "Questionario di Proust rock"


Articoli correlati
Total
3
Share