Nell’album tributo a Leonard Cohen, “Here It Is”, ci saranno anche Iggy Pop, Norah Jones e James Taylor

Diversi gli artisti che prenderanno parte a questo progetto, composto da 12 tracce, in uscita il 14 settembre
Leonard Cohen
Leonard Cohen, foto di Frazer Harrison/GI

Cantanti, cantautori, rocker, popstar e grandi del jazz, tutti riuniti per Here It Is: A Tribute to Leonard Cohen, un album che, come dice il titolo, sarà un tributo al cantante scoparso nel 2016.


L’album, composto da 12 tracce, uscirà il 14 settembre e conterrà brani di Iggy Pop, Norah Jones, Peter Gabriel, Mavis Staples, David Gray, Sarah McLachlan e James Taylor. Inoltre, sarà presente anche una nuova versione di Coming Back to You, brano di Leonard Cohen del 1984.


James Taylor sul progetto in tributo al cantante, scomparso nel 2016

«Quando Larry Klein mi ha invitato a partecipare a un album tributo a Leonard Cohen ho accettato immediatamente». A dirlo è James Taylor in una dichirazione. «Sia perché Larry è un grande produttore e buon amico, sia perché, come quasi tutti quelli della mia generazione, venero Leonard Cohen.». E ha continuato: «Le sue canzoni sono state fin da subito tra le mie preferite e hanno avuto una grande influenza sulla mia progressione come autore. Per il progetto sono stato attrato da un brano relativamente oscuro e nuovo per me, Coming Back To You. Larry ha scelto di incidere la canzone nella tonalità originale di Cohen, sicuramente al di sotto della mia portata, ma così sono uscito dalla mia comfort zone e questo mi ha aiutato a trovare il giusto approccio alla canzone. Questo testo mostra la sua visione triste e senza speranza del desolante paesaggio dell’amore e dell’attaccamento. Quindi, fate un respiro profondo e bevete…».

Klein: «Leonard Cohen è stato l’amico più saggio e divertente che ho avuto»

Klein, amico di lunga data di Cohen, ha spiegato così la genesi del progetto: «Leonard Cohen e io siamo diventati amici nel 1982, o giù di lì, e negli ultimi 15 anni della sua vita è diventato un amico intimo. È stato forse l’amico più saggio e divertente che ho avuto. Una persona che ho apprezzato immensamente, in tutti i sensi. Dopo la sua morte mi sono ritrovato spesso a coverizzare le sue canzoni con altri artisti. Una ragione è che le sue canzoni sono così belle e Leonard è il miglior autore pop di sempre. Ma l’altra, è che mi aiutava a tenerlo in vita intorno a me».

Il produttore ha messo insieme un gruppo di musicisti jazz di prim’ordine per il progetto. Tra questi: l’acclamato chitarrista Bill Frisell, il sassofonista Immanuel Wilkins, il pianista Kevin Hays, il bassista Scott Colley e il batterista Nate Smith. Al progetto partecipano anche Greg Leisz e Larry Goldings all’organo.

L’album copre buona parte della produzione di Leonard Cohen, dalle canzoni sull’amore, la morte e tutto ciò che sta nel mezzo, da Songs of Leonard Cohen, album di debutto del 1967, alla sua ultima fatica, You Want It Darker, pubblicato pochi giorni prima della sua morte, nel 2016.

La tracklist di Here It Is: A Tribute to Leonard Cohen

  1. “Steer Your Way” – Norah Jones
  2. “Here It Is” – Peter Gabriel
  3. “Suzanne” – Gregory Porter
  4. “Hallelujah” – Sarah McLachlan
  5. “Avalanche” – Immanuel Wilkins
  6. “Hey, That’s No Way to Say Goodbye” – Luciana Souza
  7. “Coming Back to You” – James Taylor
  8. “You Want It Darker” – Iggy Pop
  9. “If It Be Your Will” – Mavis Staples
  10. “Seems So Long Ago, Nancy” – David Gray
  11. “Famous Blue Raincoat” – Nathaniel Rateliff
  12. “Bird on The Wire” – Bill Frisell

Articolo Precedente
Torna ad agosto 2020 il Monegros, il rave nel deserto più grande d’Europa

Monegros 2022: il festival del deserto è una dedica ai rave degli anni '90

Articolo Successivo
Beyoncé - foto di Carlijn Jacobs

Beyoncé, fuori il nuovo album “Reinassance”: ascoltalo qui

Articoli correlati

Total
1
Share