Lunedì notte è stato pubblicato un nuovo video che riguarda Justin Bieber. Il cantante è intento a rassicurare un fan che si è confidato con lui riguardo alla fatica che prova nel cercare una chiesa che sia inclusiva con le persone appartenenti alla comunità LGBTQ.

Il clip di due minuti vede Bieber che fa foto e parla con i suoi fan, subito dopo essere stato a messa in chiesa. Un fan ha chiesto al cantante come è andata e se la sua chiesa accettasse la comunità gay.

«La tua chiesa è davvero aperta e inclusiva con la comunità gay?», gli ha chiesto il fan. Bieber, che frequenta la chiesa di Hillsong, ha risposto che sì, ognuno può andare.

A quel punto il fan si è raccontato al cantante: è cresciuto come cattolico, ma non ha frequentato per molto tempo. «Sto cercando un luogo che sia accogliente, nei confronti di tutti. Ho scoperto la mia diversità non troppo tempo fa. Quindi, sto cercando di trovare un luogo di pace. Nessuno è gentile. Tutti, in fondo in fondo, sono così omofobi», ha aggiunto il fan.

Bieber si è detto davvero dispiaciuto per quelle parole e ha invitato il fan a frequentare una delle messe della sua chiesa in futuro.

«Sì, questa cosa mi distrugge. Mi dispiace tantissimo per te. Questo non va bene», ha detto Bieber. «Se per caso volessi venire a uno dei servizi di questa chiesa, tutti loro saranno felici di averti. Ci piacerebbe averti qui con noi, sei più che benvenuto, quando vuoi».

Lo scambio di battute si è concluso con un forte abbraccio tra Bieber e il suo fan. Guarda la clip qui sotto:

Mentre l’interazione tra i due sembra piena di buonissime intenzioni, molti hanno notato come la Chiesa di Hillsong potrebbe non essere così accogliente come l’artista crede. Il cantante Trey Pearson ha segnalato che la stessa chiesa ha forzato una coppia gay a lasciare il loro gruppo di preghiera.

«Molte chiese dicono ‘Chiunque è il benvenuto. Le persone gay sono benvenute’ ma finché la leadership dice ‘Noi ti affermiamo e crediamo che sei come tutti gli altri. Però dovresti sposarti con qualcun altro’, allora si sta semplicemente imbrogliando la comunità LGBT. Si finisce solo per emarginarli», ha concluso Pearson.