Jon Batiste al “The Late Show”, dalla vittoria ai Grammy Awards al recente matrimonio

L’artista è stato ospite al programma di Stephen Colbert dopo la vittoria di ben cinque premi nella serata di domenica
Jon Batiste e Steven Colbert, courtesy photo

Jon Batiste ha fatto un trionfale ed emozionante ritorno al lavoro di band leader del The Late Show ieri, martedì 5 aprile. Il cantante si è raccontato al capo e amico, il presentatore Stephen Colbert, dopo la grande notte dei Grammy Awards.


Batiste ha raccontato la sua frenetica settimana dei Grammy, fatta di molteplici prove e un arrivo in super ritardo la domenica sera. Quasi tutte le sue vittorie, tranne una, sono arrivate nella parte pre-trasmessa della serata. Il cantante però non è riuscito ad assaporare quei momenti proprio a causa del ritardo.


La frenetica giornata dei Grammy di Jon Batiste

«Eravamo in ritardo per la cerimonia e il pre-broadcast. Tutta la mia famiglia era con me. Mio nonno era con me – ha quasi 90 anni. Mio padre, mia madre, i miei nipoti, mia sorella. Il mio amico Ryan [Lynn], che ha prodotto il disco con me… e un mucchio di altre persone che non conosco bene. Erano tutti insieme. C’era un grosso gruppo di persone nella stanza in ogni momento».

Jon Batiste ha poi spiegato che quando si hanno undici nomination, nessuno dice che tra le prove per la performance (della gioiosa Freedom), il sound check, la camminata sul red carpet e le prove costumi, probabilmente si perderà l’intero pre-show. Colbert ha spiegato tranquillamente perché la produzione non ha pianificato meglio: «Eri l’unico con 11 nomination. Non puoi aspettarti che cambino l’intera giornata solo per te» ha detto sorridendo.

La proclamazione come Miglior Album dell’Anno

Colbert ha poi mostrato la clip di Lenny Kravitz che annuncia il premio Album Of The Year e Jon Batiste ha potuto solo ridere.

«Amico, è così tanto che lo sto ancora elaborando» ha detto Jon Batiste. «Prima di tutto, il fatto che la mia famiglia sia lì a testimoniarlo è semplicemente incredibile. C’è stato così tanto in quel momento: lezioni di piano, le marce per i diritti civili…».  

Il cantante ha poi raccontato che stava ancora godendo per la sua performance colorata e energetica. «Avresti potuto finire lo spettacolo lì, è stato fantastico» ha detto Colbert.

Dopo essersi tolto gli abiti di scena, sudati, si è rilassato tra il pubblico nel suo mantello ingioiellato catturando l’atmosfera della stanza. E quando ha visto “Zio Lenny” sul palco che si preparava a leggere il nome del grande vincitore della serata ha pensato che il rocker doveva sapere qualcosa. «Io penso che lui sapesse… perché continuava a guardarmi. Era così surreale» ha spiegato Jon Batiste.

La madre gli ha detto «è tuo», e lui ha risposto condiscendente «sì, mamma». In più Finneas e Billie Eilish si sono girati dicendo «speriamo davvero che tu vinca».

Ma quando è arrivato il momento, l’ha quasi mancato. «E poi hanno annunciato We Are e la gente ha fatto così tanto casino» ha ricordato Jon Batiste. «Era così forte che quasi non sapevo davvero che ero io perché non hanno detto il mio nome fino a dopo il titolo. Ho pensato: “Forse è l’album di qualcun altro che suona come We Are».

Dopo tutto questo, Jon Batiste ha raccontato di aver festeggiato con una cena fuori. Ha inoltre spiegato di essere andato via a metà del piatto, per godersi un po’ di meritato riposo.

Il matrimonio e le chiaccherate con Colbert

Il segmento si è concluso con un dolce momento tra i colleghi, la cui ammirazione reciproca riempie il palco dell’Ed Sullivan Theater ogni sera. Colbert si è sinceramente e amorevolmente congratulato con Jon Batiste per il suo matrimonio segreto con la compagna di lunga data Suleika Jaouad il mese scorso. «Sì!» ha gridato Batiste mentre mostrava il suo anello con un enorme sorriso.

«Abbiamo avuto un sacco di conversazioni private su questo» ha ricordato Batiste. «Mi hanno davvero aiutato… e quello che stiamo attraversando è proprio l’opposto delle luci, delle telecamere e dello sfarzo di tutto ciò che riguarda il business». Ha raccontato che la cerimonia ha avuto luogo a febbraio. Il giorno prima che Jaouad fosse ricoverata in ospedale per subire un trapianto di midollo osseo, dopo che le era stata diagnosticata una seconda volta la leucemia.

«Ma è costruito sullo stesso fondamento, che è il vostro amore reciproco» ha detto Colbert mentre i due si guardavano negli occhi. «È così che sono uguali. È così che tutte le cose sono uguali. Tutte le cose sono una. E la musica la attraversa».

Guarda Jon Batiste al The Late Show


Articolo Precedente
I bnkr44, foto ufficio stampa

Il bnkr44 è il collettivo più pop e underground insieme che ci sia. L'intervista e le nuove date

Articolo Successivo
Sing 2

“Sing 2”, l'intervista con la coreografa Sherrie Silver

Articoli correlati

Total
1
Share