Ecco perché il batterista degli Aerosmith, Joey Kramer, non ci sarà ai Grammy Awards

Il giudice della corte suprema del Massachusett ha negato al batterista degli Aerosmith la possibilità di esibirsi insieme alla band sul palco dei Grammy Awards
Kevin Mazur/Getty Images

Un giudice ha detto al batterista degli Aerosmith, Joey Kramer, di sognarsi di tornare a far parte della band e di partecipare agli eventi dei Grammy Awards di questa settimana.

Mark Gildea, giudice della Corte Superiore del Massachusett, mercoledì 22 gennaio, ha negato la richiesta di Kramer di tornare nella band per partecipare a una festa di premiazione a Los Angeles venerdì e alla serata dei Grammy Awards.

«Dato che Kramer non ha suonato con la band per sei mesi e ha dato ben poca disponibilità di tempo per le prove prima delle prossime esibizioni, non ha dimostrato un modo di agire volto a proteggere gli interessi commerciali della band», si legge in parte della decisione finale del giudice.

Kramer, in una dichiarazione, ha detto di essere “estremamente deluso” ma di rispettare la decisione del giudice.

Le ragioni della causa di Joey Kramer

«Sapevo che intentare una causa era una battaglia in salita», ha detto. «Ma posso tenere la testa alta sapendo che ho fatto la cosa giusta. Lottare per il mio diritto di celebrare il successo della band a cui ho dedicato la maggior parte della mia vita».

Il batterista ha sostenuto che la band ha violato il contratto perché gli ha richiesto la riammissione dopo che un infortunio alla caviglia, avvenuto l’anno scorso, gli aveva fatto perdere parte dei loro resident show in un casinò di Las Vegas.

La band ha chiesto al batterista di riguadagnarsi il lavoro eseguendo una serie di prove soliste per dimostrare di poter suonare “ad un livello adeguato”.

Il batterista ha sostenuto che il requisito è “offensivo e sconvolgente”, perché nessun altro membro della band è stato invitato a farlo prima in passato. Di recente, anche gli altri membri degli Aerosmith sono stati “messi da parte” a causa di di infortuni e malattie e non è stato chiesto loro di essere riammessi nel gruppo.

«Non si tratta di soldi. Sono stato privato dell’opportunità di essere riconosciuto, insieme ai miei colleghi, per il nostro contributo all’industria musicale».

La reazione degli altri membri della band

I rappresentanti degli Aerosmith non hanno commentato la decisione del giudice. La band ha detto in precedenza di aver invitato Kramer a partecipare ai Grammy. Ma non ci sarebbe stato abbastanza tempo per fare le prove insieme.

«Joey Kramer è nostro fratello. Il suo benessere è di fondamentale importanza per noi. Tuttavia, per sua stessa ammissione, negli ultimi 6 mesi non è stato emotivamente e fisicamente in grado di esibirsi» si legge in una dichiarazione.

Kramer ha poi detto che i suoi compagni hanno ritenuto che la sua “prova” non fosse “tecnicamente corretta” e che mancasse di “energia”. Una valutazione che ha fortemente contestato.

«Le grandi magie e i successi avvengono quando siamo tutti insieme» ha detto il batterista. «Essere allontanato dal mio legittimo posto sul palco per celebrare il nostro successo è semplicemente sbagliato».

Venerdì 24 gennaio, presso il Los Angeles Convention Center, gli Aerosmith riceveranno il premio MusiCares Person of the Year 2020.

Articolo Precedente
DOODLE di Google del 23 gennaio, dedicato a Luis Alberto Spinetta

Il doodle di Google di oggi celebra Luis Alberto Spinetta

Articolo Successivo
J-Ax torna con l'album ReAle, in uscita il 24 gennaio

J-Ax torna con "ReAle" e parla di legittima difesa, Sanremo e Salvini

Articoli correlati
Total
5
Share