J-Hope dei BTS è risultato positivo al COVID-19

La star k-pop è risultata positiva al coronavirus, ma le date di aprile sono per ora confermate

J-Hope, star k-pop e membro dei BTS, è stato visitato in ospedale mercoledì 23 marzo per un mal di gola e, dopo aver fatto un test, è risultato positivo al coronavirus. Questo quanto si legge in una dichiarazione della BigHit Music.


J-Hope è vaccinato, attualmente non ha “altri sintomi oltre al mal di gola” e si sta curando a casa mentre è in quarantena, aggiunge il comunicato.


Una volta uscito da questa situazione, J-Hope dovrebbe tornare attivo il mese prossimo, dicono i rappresentanti. Il che significa che il cantante dovrebbe essere in forma in tempo per i concerti dei BTS a Las Vegas, “Permission To Dance On Stage”.

Ci sono altre buone notizie per l’A.R.M.Y., acronimo del fan club ufficiale che sta per Adorable Representative M.C. for Youth. A parte J-Hope, tutti i membri dei BTS sono in buona salute e non presentano “sintomi particolari”.

“Faremo del nostro meglio per supportare J-Hope in modo che possa recuperare il prima possibile, considerando la salute e la sicurezza dell’artista come la nostra massima priorità. Inoltre, cercheremo di seguire diligentemente le richieste e le linee guida delle autorità di quarantena” ha affermato la BigHit Music nella sua dichiarazione ufficiale.

Come riportato in precedenza, i fenomeni pop saranno i protagonisti in aprile di quattro date all’Allegiant Stadium, la casa dei Las Vegas Raiders. Inoltre, l’evento in diretta “LIVE PLAY in LAS VEGAS” si terrà nella vicina MGM Grand Garden Arena per tutti e quattro i giorni. Il concerto sarà anche trasmesso in streaming online l’ultimo giorno del tour, il 16 aprile.


Articolo Precedente
Harry Styles, Rich Fury/Getty Images for Spotify

Harry Styles ha annunciato "Harry's House", il suo nuovo album

Articolo Successivo
Gianni Bismark

Gianni Bismark, dai "Bravi ragazzi" ai miti sbagliati nel rap. L'intervista

Articoli correlati

Total
1
Share