#IoLavoroConLaMusica: chi ha aderito all’appello al Governo (e perché)

Con molte foto pubblicate con l’hashtag iolavoroconlamusica, gli artisti italiani stanno chiedendo al Governo più tutele per i lavoratori dello spettacolo
Emma partecipa a IoLavoroConLaMusica
Emma. Instagram

Nel weekend appena terminato sono stati molti gli artisti che hanno pubblicato sui loro profili social una foto nella quale tengono in mano un foglietto con loro nome, cognome, professione e hashtag iolavoroconlamusica.

Di cosa si tratta? È una mobilitazione lanciata da La musica che gira che vuole chiedere al Governo maggiore attenzione nei confronti della categoria dei lavoratori del mondo dello spettacolo. Già prima della chiusura del lockdown, infatti, si è parlato molto di questo settore, particolarmente colpito dalla pandemia da Coronavirus. Il mondo dei live coinvolge moltissime persone: dietro alla performance di un singolo cantante o di una singola band, infatti, sono coinvolti molti professionisti, dai fonici agli uffici stampa, dai tecnici ai promoter, dai turnisti ai manager.

iolavoroconlamusica mette al centro una data. È quella del 21 giugno, giornata della Festa della Musica. Quello che vogliono dire i promotori è che – se la situazione non cambierà – quella del prossimo 21 giugno sarà una festa senza musica: «Nessuno degli emendamenti al DL Rilancio che riguardano la Musica è stato segnalato per la discussione in Parlamento. Le istanze del nostro settore devono essere discusse e inserite per la conversione del Decreto», scrivono.

Gli artisti che hanno partecipato alla mobilitazione iolavoroconlamusica

Sono stati davvero moltissimi gli artisti che hanno voluto richiamare l’attenzione di tutti i loro fan nei confronti di questo momento così complicato. E di un settore produttivo che conoscono da vicino e che sta soffrendo molto, al pari di molti altri. Da Emma a Daniele Silvestri, da Piero Pelù a Laura Pausini, da Vasco Rossi a Ornella Vanoni. Ma anche molti altri: Diodato, Ermal Meta, Enrico Nigiotti, Jovanotti, Giuliano Sangiorgi, Levante… Ecco una selezione.

Emma Marrone

View this post on Instagram

21 giugno Festa #senzamusica Nella Musica lavorano in tanti, non solo i musicisti ed i cantanti. La Musica fa cultura, educa, emoziona, intrattiene e, se non bastasse, produce economie importanti (il solo comparto Cultura fa il 16% del PIL), dando lavoro a decine di migliaia di persone che oggi, causa Covid, rischiano di restare a casa. Sappiamo che ci sono delle proposte di emendamento al DL Rilancio che ci riguardano. Chiediamo che la politica non le ignori, adoperandosi al più presto per dare finalmente dignità a tutti coloro i quali lavorano per il bene della Musica. #iolavoroconlamusica #senzamusica

A post shared by Emma Marrone (@real_brown) on

Laura Pausini

View this post on Instagram

21 giugno festa #senzamusica #iolavoroconlamusica aderisco alla campagna a favore di tutti i lavoratori della musica che insieme alla gente di molti settori si trova di fronte ad un periodo di seria difficoltà e incertezza. Mi sembra superfluo dire che si tratta di chiedere attenzione istituzionale non per me ma per la stragrande maggioranza delle persone coinvolte nell’industria musicale che operano in mille settori dietro le quinte (nei grandi, medi, piccoli e piccolissimi eventi che vanno dagli stadi alle feste di paese ai bar e ai locali dove si fa musica coi giradischi o live).

A post shared by Laura Pausini Official (@laurapausini) on

Vasco Rossi

Brunori Sas

View this post on Instagram

21 Giugno, festa #senzamusica. Nella Musica lavorano in tanti, non solo i musicisti e i cantanti. La Musica fa cultura, educa, emoziona, intrattiene e, se non bastasse, produce economie importanti (il solo comparto Cultura fa il 16% del PIL), dando lavoro a decine di migliaia di persone che oggi, causa Covid, rischiano di restare a casa. Sappiamo che ci sono delle proposte di emendamento al DL Rilancio che ci riguardano. Chiediamo che la politica non le ignori, adoperandosi al più presto per dare finalmente dignità a tutti coloro i quali lavorano per il bene della Musica. #iolavoroconlamusica #senzamusica

A post shared by Brunori Sas (@brunorisas) on

Daniele Silvestri

View this post on Instagram

21 giugno Festa #senzamusica Nella Musica lavorano in tanti, non solo i musicisti ed i cantanti. La Musica fa cultura, educa, emoziona, intrattiene e, se non bastasse, produce economie importanti (il solo comparto Cultura fa il 16% del PIL), dando lavoro a decine di migliaia di persone che oggi, causa Covid, rischiano di restare a casa. Sappiamo che ci sono delle proposte di emendamento al DL Rilancio che ci riguardano. Chiediamo che la politica non le ignori, adoperandosi al più presto per dare finalmente dignità a tutti coloro i quali lavorano per il bene della Musica. #iolavoroconlamusica #senzamusica

A post shared by Daniele Silvestri (@danielesilvestri.official) on

Gianna Nannini

View this post on Instagram

21 giugno Festa #senzamusica #iolavoroconlamusica

A post shared by Gianna Nannini (@officialnannini) on

Piero Pelù

Ghemon

Ornella Vanoni

Levante

Arisa

Jovanotti

Pinguini Tattici Nucleari

Malika Ayane

View this post on Instagram

21 Giugno Festa #senzamusica

A post shared by Malika Ayane (@damalikessa) on

Nek

Giuliano Sangiorgi

Enrico Nigiotti

View this post on Instagram

21 Giugno Festa #senzamusica

A post shared by Enrico Nigiotti (@enriconigiotti) on

Diodato

Ermal Meta

Articolo Precedente
ReLoud - Sutra - anteprima

Guarda in anteprima il video di "Sutra" dei The ReLOUD

Articolo Successivo
Derick Whibley dei Sum 41 durante il concerto alla Lotto Arena di Anversa

I Sum 41 tornano in Italia al Bay Fest 2021 (che diventa di quattro giorni)


Articoli correlati
Total
5
Share