Sanremo: Fedez ci sarà e i discografici propongono il Forum di Assago

Nonostante una parte del loro brano sia stata condivisa per errore sui social, Fedez e Francesca Michielin gareggeranno regolarmente
Francesca Michielin e Fedez / ph Fabrizio Cestari
Francesca Michielin e Fedez / ph Fabrizio Cestari

Non c’è pace per la 71esima edizione di Sanremo. Nonostante il distensivo dietrofront di Amadeus rispetto alle decisioni del CTS – porterà avanti la kermesse con o senza pubblico – il Festival è stato travolto nel weekend dalla grana Fedez.

Il cantante milanese ha infatti condiviso per errore su Instagram uno snippet del brano in gara, Chiamami per nome, eseguito in un breve video girato in sala prove che Fedez era convinto di aver caricato su IG senza volume. Ma così non è stato, e la pronta rimozione della clip non è bastata a cancellare lo scivolone. Numerosi utenti avevano infatti già scaricato e diffuso il filmato.

Considerato che le canzoni in gara al Festival devono rimanere inedite fino alla prima performance live sul palco dell’Ariston, è emersa immediatamente la possibilità di una squalifica per Fedez. Ma a giudicare dagli sviluppi delle ultime ore, il cantante può tirare un sospiro di sollievo. Non ci sarà infatti alcuna esclusione. Questo il commento della Rai:

«A seguito del video postato su Instagram da Fedez nella giornata del 30 gennaio scorso, contenente alcuni secondi del brano presentato insieme a Francesca Michielin, in gara per il Festival sezione Big, l’Organizzazione del Festival e la Direzione Artistica di Sanremo 2021, pur esprimendo serio biasimo per l’accaduto, non ritengono di dover prendere alcun provvedimento in merito. La durata dell’interpretazione nel video – postato e successivamente cancellato dall’artista – risulta infatti essere estremamente ridotta e tale da non svelare di per sé il brano, che non può considerarsi diffuso e che mantiene quindi la caratteristica di novità richiesta dal regolamento della manifestazione».

Non solo Fedez: questione Ariston

A margine del rischio squalifica corso da Fedez, si è anche tornati a parlare di location per l’evento sanremese. In un intervento al Corriere della Sera, il CEO di FIMI Enzo Mazza ha avanzato una proposta senza precedenti (esclusa l’edizione del ’90). Portare il Festival fuori da Sanremo:

«Siamo in una situazione di emergenza, se vogliamo che si tenga l’evento e che sia garantita la sicurezza dei partecipanti dobbiamo essere tutti disponibili a fare un passo indietro. È stato costruito negli anni Cinquanta e già in periodi normali ha mostrato i suoi problemi strutturali. Si potrebbe pensare ad allestire una tensostruttura in un’altra zona della città. Il teatro è sostituibile. Per il pubblico la gara di inediti non è inficiata dalla location che la ospita».

Nel corso dell’intervista Mazza ha indicato Milano come set ideale: «Un evento televisivo come questo può essere realizzato ovunque. Penso ad esempio al Forum di Assago. Credo che la Rai abbia una capacità incredibile di organizzare eventi televisivi, lo ha dimostrato anche in una fase come questa, superando riti scolpiti nella pietra. Se quest’anno è cambiata la prima della Scala, trasformata in spettacolo tv proprio sulla Rai, può accadere anche a Sanremo. E se guardiamo al panorama internazionale anche il Concerto di Capodanno a Vienna è diventato un programma tv senza pubblico».

Articolo Precedente
Valentina Parisse -Proteggi - anteprima - foto di Ilaria Magliocchetti Lombi

Guarda in anteprima il video di "Proteggi" di Valentina Parisse

Articolo Successivo
Mambo - artwork - fonte: ufficio stampa

Sfera Ebbasta fa un ulteriore passo avanti con "Mambo" di Steve Aoki


Articoli correlati
Total
57
Share