Sanremo 2020, Francesco Gabbani primo per la giuria demoscopica

Con la seconda serata di Sanremo 2020 termina il primo giro di esibizioni di tutti i concorrenti. Ecco la classifica parziale e le Nuove Proposte che vanno in semifinale
Francesco Gabbani torna con È un'Altra Cosa

Si è conclusa la seconda (lunghissima) serata di Sanremo 2020. Mercoledì 5 febbraio ha cantato la seconda metà dei 24 Campioni in gara e sono stati decretati i due nuovi semifinalisti delle Nuove Proposte. Ecco una sintesi di quello che abbiamo visto alla seconda serata della 70° edizione del Festival.

Lo share della seconda serata

Lo share del Sanremo di Amadeus continua a volare alto, anzi alza ancora l’asticella: 53,3% il dato medio relativo alla seconda serata, il più alto dal 1995. Su Rai 1 hanno guardato il Festival 9.693.000 spettatori (fonte: ufficio stampa Rai).

Nuove Proposte: Fasma e Marco Sentieri alle semifinali

La seconda tranche di sfide fra le Nuove Proposte ha visto i confronti fra Gabriella Martinelli e Fasma e fra Marco Sentieri e Matteo Faustini. Votati dalla giuria demoscopica, vanno alle semifinali Fasma (51% di preferenze) e Marco Sentieri (52%).

Le performance dei Campioni

Nel corso della seconda serata di Sanremo 2020 si sono alternati sul palco dell’Ariston i secondi dodici Campioni dei ventiquattro totali. In ordine di apparizione, hanno cantato Piero Pelù, Elettra Lamborghini, Enrico Nigiotti, Levante, Pinguini Tattici Nucleari, Tosca, Francesco Gabbani, Paolo Jannacci, Rancore, Junior Cally, Giordana Angi, Michele Zarrillo.

La classifica della giuria demoscopica

La giuria demoscopica ha votato le esibizioni dei dodici Campioni. Questa la classifica provvisoria delle prime due serate, in ordine dall’ultimo al primo:

24° Junior Cally
23° Bugo e Morgan
22° Rancore
21° Elettra Lamborghini
20° Riki
19° Rita Pavone
18° Enrico Nigiotti
17° Achille Lauro
16° Paolo Jannacci
15° Anastasio
14° Raphael Gualazzi
13° Giordana Angi
12° Alberto Urso
11° Marco Masini
10° Levante
9° Michele Zarrillo
8° Tosca
7° Irene Grandi
6° Diodato
5° Elodie
4° Pinguini Tattici Nucleari
3° Piero Pelù
2° Le Vibrazioni
1° Francesco Gabbani

Gli ospiti musicali

Particolarmente attesa l’esibizione dei Ricchi e Poveri, che dopo quarant’anni ritrovano la formazione originale al completo. Il gruppo ha riproposto alcuni dei più grandi classici del loro repertorio: Sarà Perché Ti Amo, La Prima Cosa Bella, Che Sarà, Mamma Maria. In apertura, la presentazione del semi-inedito L’Ultimo Amore, nuova versione della loro Everlasting Love del 1968 riarrangiata da Matteo Cantaluppi. Il singolo anticipa l’uscita del doppio album il 27 marzo (via DM / Artist First) che ripercorre in 21 tracce i successi del gruppo dagli anni ’60 agli anni ’90, in una nuova versione realizzata sotto la direzione musicale del maestro Lucio Fabbri.

Il grande Zucchero “Sugar” Fornaciari ha portato sul palco dell’Ariston due brani tratti dal suo ultimo album D.O.C. (Spirito nel Buio e La Canzone Che Se Ne Va) e il classico Solo una Sana e Consapevole Libidine Salva il Giovane dallo Stress e dall’Azione Cattolica (tratto da Blue’s del 1987). Ad aprile Zucchero partirà per un tour mondiale che approderà gloriosamente in Italia con ben dodici date all’Arena di Verona a partire dal 22 settembre.

Sempre altamente emozionali sono state le interpretazioni dell’ospite fisso Tiziano Ferro, che prima ha cantato Perdere l’Amore in duetto con Massimo Ranieri e poi ha eseguito un medley delle sue Sere Nere, Il Regalo Più Grande, Per Dirti Ciao!. Ranieri da solo ha cantato anche Mia Ragione.

Articolo Precedente

Il dolce scambio di tweet tra Niall Horan e Louis Tomlinson

Articolo Successivo

Fasma a Sanremo Pop Store: «Voglio mostrare a tutti chi sono»


Articoli correlati
Total
2
Share