Non solo Ibrahimovic: a Sanremo ci sarà anche Sinisa Mihajlovic

Colpo grosso in quel di Sanremo. Il conduttore e direttore artistico Amadeus si è infatti assicurato una coppia…
Sinisa Mihajlovic, fonte: Instagram (@officialbolognafc)
Sinisa Mihajlovic, fonte: Instagram (@officialbolognafc)

Colpo grosso in quel di Sanremo. Il conduttore e direttore artistico Amadeus si è infatti assicurato una coppia di campioni per rendere davvero imperdibile la 71esima edizione della kermesse musicale, prevista dal 2 al 6 marzo, e dare un calcio di collo pieno alle incertezze e alle polemiche.

Uno dei componenti era già noto. È Zlatan Ibrahimovic, ospite fisso che incastrerà il Festival tra una giornata di campionato e l’altra. Ad affiancare il centravanti rossonero per una sera ci sarà però un altro importante protagonista della Serie A. Si tratta di Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, che andrà a Sanremo a cantare con Ibracadabra. Queste le sue dichiarazioni riportate da ANSA:

«Ho sentito Amadeus stamattina. Sì, vado a Sanremo, io e Ibra canteremo: due zingari sul palcoscenico. Per fortuna non ci sarà il pubblico, perché non so né ballare, e questo lo avete già potuto vedere, non so neppure cantare. Zlatan è un po’ meglio di me a ballare, ma pure lui a cantare…male male. Voi italiani avete una grande musica. Personalmente mi piace Io vagabondo. In Italia c’è tutto, in questo paese si sta bene».

A dare un po’ di respiro a questa edizione (colpita anche da il primo caso di positività al tampone Covid) ci pensa dunque il calcio, che porterà sul palco dell’Ariston due stelle assolute. Ibra e Sinisa hanno fatto la storia di molte squadre italiane, tra cui Inter (per la gioia di Ama), Milan e Lazio, e tutto il paese è disseminato di loro estimatori. Aggiungiamoci i tifosi di Milan e Bologna, e l’Italia inchiodata davanti al divano per Sanremo è servita. Poche cose riuniscono gli italiani quanto il pallone. Se poi Zlatan riuscirà anche a riportare il Diavolo in testa alla classifica, ci sarà probabilmente ancora più curiosità.

Articolo Precedente
Aiello / Gabriele Gregis

Aiello tra "Meridionale" e "Ora": «Canto il new pop del Sud»

Articolo Successivo
È morto Pop Smoke

Pop Smoke: a un anno dalla morte, la storia continua (nel bene e nel male)

Articoli correlati
Total
2
Share