Milano Sanremo, Coma_Cose: «Al festival portiamo tutta la nostra storia»

A far compagnia a Nicolò De Devitiis nel nuovo episodio di Milano Sanremo ci pensano i Coma_Cose, in gara con Fiamme negli occhi
fausto lama california
Foto Instagram Coma_Cose

Nobile timidezza. È una delle frasi con cui vengono descritti durante la conferenza stampa i Coma_Cose, in gara al 71esimo Festival di Sanremo con Fiamme negli occhi.

Nella serata dedicata alle cover il duo, composto da Fausto Lama e California (nome d’arte di Francesca Mesiano, ndr.), ha portato sul palco della kermesse Il mio canto libero, tra i brani più iconici del grande Lucio Battisti.

Cosa significa Il mio canto libero per i Coma_Cose

«Battisti è un cantante che abbiamo già ‘pennellato’, Anima Lattina è dedicato a lui. È un artista che ci ha ispirato tanto. Era molto moderno e i suoi suoni erano ricercati e con una linea che era molto sperimentale all’epoca». Sul palco per la serata delle cover i Coma_Cose sono stati accompagnati alla chitarra da Alberto Radius che ha «legittimato un po’ l’esibizione, visto che ha partecipato al disco Il mio canto libero» ha spiegato Fausto Lama.

Il brano, secondo il duo «racchiude varie emozioni, come la malinconia prima di arrivare alla felicità. Si sente il senso di liberazione, c’è quasi un onomatopeica. Per noi questa canzone è come una sorta di biglietto da visita»

L’amore per la musica e nella vita

I Coma_Cose non sono una coppia solo nella musica, ma anche nella vita. E il loro brano sanremese parla proprio d’amore, raccontando “in toto” la loro storia. «Questa canzone ci sembrava perfetta perché parla di noi. Il grande pubblico non ci conosce e quindi volevamo presentarci con quella che è la nostra essenza. Abbiamo sempre creduto in questo: realizzare insieme il nostro sogno, ovvero la musica. Ci piacerebbe che si rivedessero in noi tutte quelle persone che hanno dei sogni incompiuti e che si trovano di fronte a causa di forza maggiore che gli impediscono di raggiungere ciò che desiderano» ha raccontato California.

«Trovare Francesca è stata la chiave di svolta, mi ha fatto ritrovare la voglia di riprovarci con la musica e sono cambiato tanto. Mi sono rimesso in gioco. Quattro anni fa sognavamo di fare i cantanti e oggi siamo sul palco di Sanremo» ha raccontato Fausto Lama.

Nostralgia, il nuovo progetto discografico dei Coma_Cose

I Coma_Cose, inoltre, pubblicheranno il prossimo 16 aprile il loro nuovo progetto discografico, Nostralgia. «Fiamme negli occhi non è un brano rappresentativo del disco in generale, ma lo è dell’attitudine. Abbiamo voluto mischiare retrò e attualità, sperimentando. È un disco corto, sono sei brani più uno strumentale».

E sul significato di questo nuovo progetto i due hanno raccontato: «Ci siamo messi tanto in gioco. Nel disco si parla di fermarsi e guardare al passato. C’è una parola che torna spesso: perdono. Quello verso se stessi, per cercare di smettere di portarsi dietro rancori e giudicarsi troppo. Volevamo che fosse come un libro, quasi una sorta di bigino: corto ma molto intenso»

«Abbiamo fortemente cercato la nostra canzone, l’abbiamo cercata e scritta durante la quarantena. Dopo vari tentativi abbiamo trovato il sound giusto, inedito anche per noi» hanno invece raccontato i Coma_Cose a Nicolò De Devitiis durante Milano Sanremo, il format di Billboard Italia con i protagonisti di Saremo 2021.

«Il nostro brano racconta, un po’ con ironia e passione, una fotografia piccola di una storia grande e speriamo che qualcuno ci si ritrovi»

Articolo Precedente
sanremo fedez michielin

I migliori meme di Sanremo: dai "naziskin" di Orietta al nastro di Fedez&Michielin

Articolo Successivo
Max Gazzè e Nicolò De Devitiis

Milano Sanremo, Max Gazzè: «Sfotto chi dice di avere la soluzione in tasca»

Articoli correlati
Total
1
Share