Fedez, la “campagna elettorale” è ufficialmente iniziata

Un grottesto “discorso alla nazione” che apre la campagna elettorale in vista dell’uscita del nuovo album del rapper, il prossimo 26 novembre
Fedez. Foto dal profilo Instagram dell'artista
Fedez. Foto dal profilo Instagram dell’artista

«L’Italia è il Paese che amo. Qui ho le mie radici, le mie speranze, i miei orizzonti. Qui ho impartato, da mio padre e dalla vita, il mio mestiere di truffatore». Si apre così il video pubblicato oggi da Fedez sulla sua pagina Instagram per annunciare la sua “discesa in politica”. Una trovata di marketing studiata dal rapper, a partire dalla registrazione del dominio fedezelezioni2023.it, per promuovere il suo nuovo album, Disumano, in uscita il prossimo 26 novembre.

«Ho scelto di scendere in campo e di frodare la cosa pubblica perché non voglio vivere in un Paese civile. […] Il movimento politico che vi propongono si chiama, non a caso, Disumano. Vi dico che è possibile realizzare insieme un grande incubo» ha continuato Fedez nel video, una rappresentazione grottesca di un “discorso alla nazione”.

Il rapper è poi apparso sulle Instagram stories per spiegare meglio la situazione: «Questa grande trollata la dice lunga sulla salute della stampa e del giornalismo italiano. Nonostante tutti fossero consci che fosse una trollata, per loro era più importante fare finta che fosse vero».

Nessuna discesa in campo politico per Fedez, almeno per il momento. Il rapper ha raccontato di avere in serbo per i fan (e non solo) una vera e propria “campagna elettorale” che andrà avanti fino all’uscita del nuovo album.

Articolo Precedente
Lady Gaga. Fonte: Instagram

Lady Gaga, fra sorrisi e commozione a "Che tempo che fa"

Articolo Successivo
Coez

Coez, il 3 dicembre arriva "Volare" ed è "già il tuo disco preferito"

Articoli correlati
Populous - foto di Ilenia Tesoro
Leggi di più

Da Lisbona a Porta Venezia, Populous a tutto tondo

Andrea Mangia, meglio noto come Populous, ha firmato alcune fra le produzioni più sorprendenti di area indipendente made in Italy. Ma è anche un artista a tutto tondo che ha saputo intuire prima di tanti altri che il futuro della pop music era legato ai suoni del mondo. Lo abbiamo intercettato in vista del suo live ad Apolide Festival
Total
1
Share