Max Pezzali e Lo Stato Sociale hanno creato DPCM SQUAD: ecco cos’è

DPCM SQUAD è una superband con anche Emis Killa, J-Ax, Eugenio in Via di Gioia e molti altri. Arriva un loro brano con finalità benefiche
Max Pezzali e Lo Stato Sociale hanno creato DPCM SQUAD
Max Pezzali e Lo Stato Sociale hanno creato DPCM SQUAD

Durante il lockdown è nata una superband con lo scopo di aiutare i professionisti del mondo dello spettacolo in questo momento particolare. DPCM SQUAD è nato da un gioco tra Max Pezzali e Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale. E ha coinvolto molti nomi del nostro Paese. Venerdì 5 giugno esce Una canzone come gli 883, il loro brano prodotto da Boss Doms.

Questa attività, quindi, nasce con una finalità benefica. I proventi della canzone saranno infatti devoluti al fondo di Spotify Covid-19 Sosteniamo la musica di Music Innovation Hub, promosso da FIMI.

L’elenco degli artisti che ha partecipato al brano è lungo. Sono Cimini, Eugenio in via di Gioia, Fast Animals and Slow Kids, Marco Giallini, J-Ax, Jake La Furia, Emis Killa, La Pina, Pierluigi Pardo, Pinguini Tattici Nucleari e Nicola Savino.

L’arrivo di questo brano (in uscita per Warner Music) è stato annunciato ieri, martedì 2 giugno, a EPCC LIVE su Sky Uno. Max Pezzali e Lodo Guenzi si sono esibiti con il padrone di casa Alessandro Cattelan al Museo del Novecento di Milano. La puntata è disponibile on demand su Sky e NOW TV.

Rispetto a DPCM SQUAD, Max Pezzali ha spiegato: «Da tempo avrei voluto fare una canzone con Lo Stato Sociale perché semplicemente li adoro. Appena sono riuscito a comunicarglielo, Lodo in sole 24 ore aveva scritto questo pezzo. Mi piaceva da morire. Parlava del mondo ai tempi degli 883». E ha continuato: «Quando è scoppiata l’emergenza e il mondo si è fermato, è bastato un giro di telefonate per capire cosa fare: perché non riunire un gruppo di amici veri e fidati e cantarla tutti insieme?».

Gli fa eco anche Lodo: «Quando è esploso il fenomeno 883 e ha travolto tutti gli adolescenti d’Italia, io facevo la prima elementare. Nella mia classe Hanno ucciso l’uomo ragno era diventata Hanno ucciso la bidella, con tutto il testo cambiato: era diventata un po’ il nostro inno di ribellione. Le maestre scandalizzate provavano a censurarci, ma anche i più leccaculo di noi la cantavano forte. Una sorta di battesimo del rock’n’roll».

Articolo Precedente
The Weeknd

The Weeknd ha donato 500 mila dollari alle iniziative per la giustizia razziale

Articolo Successivo
Guarda in anteprima il video di Caffex di Massaroni Pianoforti

Guarda in anteprima il video di "Caffex" di Massaroni Pianoforti

Articoli correlati
Total
19
Share