Morto Ellis Marsalis. Le parole commoventi del figlio Brandford

Pianista, insegnante jazz, patriarca di una grande famiglia di musicisti, aveva 85 anni. Ellis Marsalis aveva creduto nell’eccellenza dei suoi figli
Ellis Marsalis. Photo by Erika Goldring/Getty Images
Ellis Marsalis. Photo by Erika Goldring/Getty Images

Ellis Marsalis, pianista jazz, insegnante e patriarca di una vera e propria famiglia musicale che comprende i famosi figli musicisti, Wynton e Branford, è morto. Aveva 85 anni.

L’annuncio è stato dato ieri in un primo momento dal sindaco di New Orleans, LaToya Campbell, tramite comunicato stampa dove non aveva specificato la causa della morte. Il figlio primogenito Brandford, famoso sassofonista jazz, ha fatto sapere poi che la causa era legata alle complicanze dovute al Coronavirus.

Brandon lo ha ricordato con queste parole: «Mio padre era un gigante come musicista e come insegnante, ma ancora di più come genitore. Ha utilizzato tutto quello che poteva avere per farci diventare il meglio di ciò che potevamo essere».

Brandford ha riportato anche le parole del professore di legge di Harvard, David Wilkins: “Possiamo tutti meravigliarci della pura e semplice audacia di un uomo che credeva di poter insegnare ai suoi ragazzi neri a essere eccellenti in un mondo che negava loro quella possibilità. Per poi guardarli andare avanti per ridefinire il concetto di eccellenza. Per sempre”.

Dato che Ellis Marsalis ha scelto di rimanere a New Orleans per la maggior parte della sua vita, la sua fama è rimasta limitata fino a quando i suoi figli non sono diventati famosi. Da allora i riflettori si sono accesi anche su di lui, insieme a nuovi contratti discografici, tour e a esibizioni da headliner in festival jazz.

Quattro dei sei figli di Ellis Marsalis sono musicisti: Wynton, il trombettista, è il portavoce del jazz più importante d’America dato che è il direttore artistico al Lincoln Center di New York. Branford, il sassofonista, ha guidato la band del Tonight Show e ha fatto una tournée con Sting. Delfeayo, trombonista, è un importante produttore discografico e performer. E Jason, il batterista, si è fatto un nome sia con la sua band che come accompagnatore. Ellis III, che ha deciso che la musica non era il suo obiettivo, è un fotografo-poeta di Baltimora.

Ellis Marsalis aveva continuato ad esibirsi regolarmente a New Orleans fino a dicembre.

Articolo Precedente
Wrongonyou

Wrongonyou: guarda il video di "Atlante"

Articolo Successivo
Tha Supreme, Lous and The Yakuza e Mara Sattei

Tha Supreme, Mara Sattei, Lous and The Yakuza: fuori "Dilemme" remix


Articoli correlati
Total
4
Share