“Love Yourself: Tear” dei BTS è il primo album K-Pop a raggiungere la #1 nella classifica Billboard 200

La boy band coreana dei BTS debutta alla #1 della classifica Billboard 200 con “Love Yourself: Tear”, il primo chart-topper per il genere K-pop
La band dei BTS
La band dei BTS

È una grande settimana per il K-pop. La boy band coreana dei BTS debutta alla #1 della classifica Billboard 200 con Love Yourself: Tear, il primo chart-topper per il genere K-pop.

Al 24 maggio, l’album (che è stato rilasciato per BitHit Entertainment il 18 maggio) negli Stati Uniti ha venduto 135mila copie (fonti Nielsen Music). Di quella somma, 100mila sono tradizionali vendite di album.



Love Yourself: Tear registra anche la settimana più grande per il genere K-pop, sia nelle unità complessive che nelle vendite tradizionali di album. Il precedente successo è stato raggiunto sempre dai BTS, con Love Yourself: Her, al suo debutto ha raggiunto la #7 nella classifica del 7 ottobre 2017 con 31mila unità nel suo frame di apertura e 18mila di quelle nelle tradizionali vendite di album.

Non è tutto. Love Yourself: Tear è anche il primo album in lingua straniera alla #1 dal 2006. È da notare come il disco sia eseguito principalmente in lingua coreana: è il primo album in lingua straniera alla #1 in oltre 12 anni. Nel 2006 il quartetto vocale classico Il Divo era in cima alla classifica con Ancora nelle Charts datate 11 febbraio 2006. Il disco mescolava brani eseguiti in spagnolo, italiano e francese, insieme a una traccia cantata parzialmente in inglese.



Il 20 maggio il gruppo ha portato a casa il suo secondo Billboard Music Award di fila per la categoria Top Social Artist votata dai fan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente
Drake

Drake pubblica il nuovo singolo "I'm Upset"

Articolo Successivo
Giacomo Toni - inchiodato a un bar

Giacomo Toni: guarda in anteprima il video di "Inchiodato a un Bar"

Articoli correlati
Leggi di più

Cos’è il “value gap”?

Le piattaforme di condivisione video, con quasi un miliardo di utenti, generano meno introiti per l’industria discografica rispetto ai servizi di streaming, che contano un quarto degli utenti: perché?
Total
22
Share