Brian Eno: lanciata su Sonos Radio la stazione “The Lighthouse” curata dal leggendario produttore

La piattaforma di streaming radiofonico, ora anche in Europa, lancia un nuovo palinsesto con il vastissimo catalogo dell’artista inglese, per gran parte inedito
Brian Eno
Brian Eno (fonte: ufficio stampa)

Il servizio di streaming radiofonico Sonos Radio HD ha appena lanciato The Lighthouse, una vera e propria stazione radiofonica esclusiva curata dall’artista, producer e compositore inglese Brian Eno.

Con l’arrivo di Sonos Radio HD anche in Austria, Canada, Francia, Germania e Olanda (per l’Italia si può accedere da Mixcloud), da oggi finalmente possiamo ascoltare un palinsesto musicale vastissimo firmato da una delle menti più brillanti della musica contemporanea.

Ci saranno ben tre programmi diversi condotti dall’iconico artista britannico. Nel primo, già disponibile sulla piattaforma, l’autore racconterà tantissimi dettagli sul proprio materiale inedito, svelando anche i motivi dietro l’inaugurazione di The Lighthouse. Inoltre, nel corso della speciale Radio Hour, Briano Eno insieme a Elia Einhorn condividerà con i fan di tutto il mondo le sue attuali ispirazioni artistiche e i futuri step nel suo percorso creativo.

“La musica su The Lighthouse abbraccerà un periodo piuttosto ampio”, spiega Brian Eno. “La prima traccia che abbiamo al momento risale al 1990. Poi aggiungeremo sempre più brani. Le sequenze di musica si generano automaticamente, quindi anche il ritmo dell’ascolto sarà strano e particolare”, conclude.

Contenti? Più di trecento brani del compositore visionario che ha collaborato, fra gli altri, con David Bowie, Talking Heads, U2, Coldplay sono ora a nostra disposizione. Un’occasione d’oro per dare spazio a una carriera di oltre cinquant’anni e, per di più, attraverso la voce stessa di Brian Eno.

Articolo Precedente
Lorde - uscite internazionali - foto di Ophelia Mikkelson Jones)

Dai Migos a Lorde, le migliori uscite internazionali

Articolo Successivo
Mahmood - Ghettolimpo - intervista - 2 - foto di Stefano Masselli

Mahmood, fuori “Ghettolimpo”: «Ognuno sia libero di pensare con la propria immaginazione»


Articoli correlati
Total
1
Share