Il messaggio di Sting a favore dell'Amazzonia | Billboard Italia
Collegati con noi

NEWS

Il messaggio di Sting a favore dell’Amazzonia

Sting ha creato la “Rainforest Foundation” nel 1987 e ha da sempre lottato a favore dell’ambiente. Ecco cosa ha scritto sulla situazione in Amazzonia

Il messaggio di Sting a favore dell'Amazzonia
Michael Kovac/Getty Images for BMI

Sting ha trascorso molto tempo degli ultimi trent’anni invitando il mondo ad agire immediatamente per preservare la foresta pluviale amazzonica. Ora, con l’aumento dell’85% degli incendi solo dallo scorso anno, il cantante che ha creato la Rainforest Foundation nel 1987 ha lanciato un terribile avvertimento per il continuo silenzio.

«Nessuno di noi può essere compiaciuto delle dimensioni tragiche del disastro che si sta verificando in Amazzonia in questo momento». L’ha scritto Sting in un lungo messaggio su Facebook ieri, martedì 27 agosto.

«L’Amazzonia sta bruciando a un ritmo senza precedenti – l’80% in più rispetto allo scorso anno e con il 39% in più di deforestazione – e il mondo se ne accorge improvvisamente. I leader populisti che citano ordini del giorno nazionalisti o che affermano che il cambiamento climatico sia una bufala sono colpevoli. Forse molto di più di chi è stato a guardare e non ha fatto nulla. Questa è negligenza criminale su scala globale».

Il riferimento al presidente Jair Bolsonaro

Quest’ultimo sembra essere un riferimento al presidente nazionalista brasiliano Jair Bolsonaro, che martedì ha rifiutato un’offerta di 20 milioni di dollari in aiuti dai leader mondiali del G7 per aiutare a spegnere gli incendi a patto che il presidente francese Emmanuel Macron si scusasse per averlo chiamato «maleducato» durante il vertice del G7. Il tutto dopo che Bolsonaro aveva pubblicato un commento sarcastico che prendeva in giro la moglie del presidente francese su Facebook.

Per una settimana l’hashtag #PrayForTheAmazon è diventato virale e molte celebrità e personaggi pubblici hanno sollecitato ulteriori azioni per spegnere gli incendi. Ma nel frattempo Bolsonaro ha ipotizzato che gli incendi siano stati pensati dai suoi rivali per mettere in cattiva luce la sua amministrazione.



«Non c’è più tempo per le banalità obsolete del nazionalismo in un mondo in cui tutti respiriamo la stessa aria. E in un mondo in cui tutti subiremo le conseguenze di questa negligenza volontaria», ha scritto Sting. «Chiamare l’Amazzonia “il polmone della Terra” potrebbe non essere esattamente corretto a livello anatomico. Ma trasmette che è un anello vitale e insostituibile nella catena del benessere sul nostro pianeta. Non possiamo permetterci di lasciarla bruciare. Ci stiamo avvicinando rapidamente al punto di svolta in cui gli incendi continueranno a bruciare e non possono essere spenti».

Il cantante ha fatto appello al governo brasiliano perché si cambino le politiche che hanno favorito lo struttamento della foresta pluviale da parte di agricoltori e allevatori. Molti di loro hanno infatti abbattuto alberi e bruciato le terre. «Innumerevoli specie sono in pericolo di estinzione immediata», ha scritto il cantante.

«Il mondo sta bruciando»

«Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha espresso apertamente di non essere amico degli indigeni e ora sta rinnegando i trattati sulla terra già firmati. Aprendo nuovi territori e smantellando le organizzazioni scientifiche e dei diritti umani in Brasile per consentirlo».

La richiesta di Sting si è conclusa con un’osservazione: il Fondo per la foresta pluviale ha lavorato con i popoli indigeni per tre decenni per proteggere le loro terre e i loro diritti, sollecitando Bolsonaro a ripensare le sue politiche. «Questo non è il momento di temporeggiare; il mondo sta bruciando».

Guarda qui il post completo di Sting sull’Amazzonia



"The Beach Bum" aprirà il Milano Film Festival "The Beach Bum" aprirà il Milano Film Festival

“The Beach Bum” aprirà il Milano Film Festival

FILM

Da oggi esistono un "avanti" e un "dopo" Jova Beach Party Da oggi esistono un "avanti" e un "dopo" Jova Beach Party

Da oggi esistono un “avanti” e un “dopo” Jova Beach Party

EVENTI

Giovanissimi e "Senza Paura": intervista ai The Minis Giovanissimi e "Senza Paura": intervista ai The Minis

Giovanissimi e “Senza Paura”: intervista ai The Minis

ROCK

Ha ancora senso produrre i CD? Pare proprio di sì (vedi Taylor Swift e Tool)

BUSINESS

Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup