Addio alla nostra collaboratrice Raffaela Travisano

Il ricordo di Raffaela di Andrea Minoia, editore di Billboard Italia, e del direttore Tommaso Toma
Raffaela Travisano
Raffaela Travisano, foto dal suo profilo Facebook

«Ciao Tom, non sai che Odissea per tornare a Ibiza dopo l’ADE ad Amsterdam. Ti dico solo che sono atterrata un 30 minuti prima che il “mio” Jan Blomqvist suonasse al Beachouse!». Vulcanica, in perenne movimento come sempre era la nostra Raffaela. Aveva fatto parte della nostra truppa da molto presto, sin dal primo numero dei nostri speciali Billboard Clubbing che ovviamente con la pandemia si son fermati ma l’avrete letta anche dopo con interviste sempre appassionanti come è stata l’ultima per noi con Moby.

Raffaela Travisano – di origini italo-tedesche – è stata una profonda conoscitrice di musica elettronica/dance e aveva una lunga militanza alle spalle nella discografia e nella promozione. Negli anni ’90 aveva lavorato in Germania per la CBS/Sony per poi arrivare in Italia e diventare la Manager Director della label dance More, lavorando a fianco di superstar come Paul Van Dyk, ATB e Blank&Jones.

Poi negli anni più recenti ebbe la gioia di dar vita, assieme a un bel gruppo di persone, alla società di produzione/management/booking Surya Musica a Roma e dal 2018 si prodigava per il movimento a livello globale, Keychange, da sempre a supporto delle donne nel mondo della musica. Aveva scelto Ibiza come base per i suoi continui spostamenti.

Sin dal primo giorno che è venuta a contatto con la nostra redazione, Raffaela ha trasmesso a tutti noi un’enorme energia e volontà di farci conoscere una serie di nuovi artisti emergenti della scena elettronica e dance, grazie alle sue infinite conoscenze e connessioni. Senza contare il suo sostegno nei confronti del mondo lavorativo delle donne nel mondo musicale, sempre profuso grazie a quell’entusiasmo misto a gentilezza, un mix speciale che aveva conquistato molti artisti superstar e non, che aveva intervistato per noi. Ci ha lasciato Raffaela, tradita da un’automobile. Ancora una volta era in movimento. Un destino crudelmente coerente con la tua missione, gentile animo inarrestabile.

Queste le parole del nostro editore, Andrea Minoia:

Raffaela era un vulcano inarrestabile, una collaboratrice valida ma soprattutto un’amica. Abbiamo partecipato insieme a moltissimi eventi per lavoro ma anche per il piacere di stare insieme. Qua sull’isola – Ibiza – la conoscevano tutti. Il mondo della musica elettronica era la sua famiglia, il suo ambiente naturale e la passione che ha coltivato per moltissimi anni.

Oggi non possiamo che salutarti con l’affetto che meriti per averci entusiasmato con i tuoi sorrisi e il tuo splendido modo di essere te stessa. Sempre.

Articolo Precedente
Zerocalcare

Zerocalcare, la colonna sonora di "Strappare lungo i bordi" non è da boomer

Articolo Successivo
Bruce Springsteen No Nukes Concerts - foto di Richard E. Aaron - 1

Bruce Springsteen: un tuffo nella macchina del tempo dei “No Nukes Concerts”

Articoli correlati
Total
39
Share