Trent Reznor sull’influenza di David Bowie: «Sento ancora la sua voce»

Domani si terrà uno speciale tributo streaming dedicato a David Bowie, che continua ad occupare un posto speciale nel cuore di tanti artisti
Trent Reznor
Trent Reznor: Angela Weiss/AFP via Getty Images

Trent Reznor ha discusso dell’influenza continua di David Bowie sulla sua vita poco prima del tributo virtuale A Bowie Celebration: Just For One Day! previsto per stasera.

Il frontman dei Nine Inch Nails che ha girato per il mondo e registrato con Bowie a metà degli anni ’90 ha parlato a Consequence of Sound dell’impronta indelebile che Bowie aveva sulla sua musica. Sia prima che si incontrassero e collaborassero, sia in seguito, quando il suo nuovo amico lo aiutò a tirarsi fuori da un periodo particolarmente buio.

Dalle bollette a David Bowie

«Quando è nato il progetto Nine Inch Nails, mi sono ritrovato in condizione di iniziare ad accumulare un pubblico e sentire le strane pressioni di qualcuno che non aveva soldi. Ero preoccupato di come pagare la bolletta del gas da $ 30 e mangiare burro di arachidi per una settimana. E poi all’improvviso, poiché ho fatto un album che mi è piaciuto molto, ho potuto pagare la bolletta del gas».

Reznor ha anche ricordato come l’atmosfera «fredda e aliena» dell’album Scary Monsters (1980) di David Bowie lo abbia davvero colpito, portandolo a uno sguardo all’indietro al resto dei momenti salienti della carriera del Rock and Roll Hall of Famer, inclusi album storici come Hunky Dory e Ziggy Stardust:

«La mia vita è molto migliore adesso. Ora è il momento di scrivere un nuovo album. […] Vorrei tornare all’idea di David Bowie e pensare per un minuto: “Cazzo, questo è ciò che significa essere un artista”. Quindi, c’era quel tipo di influenza da una distanza, un livello di fan, a parte la musica che si connette emotivamente con me».

Il compleanno e il tributo

Reznor farà parte del tributo all-star in streaming di venerdì. L’8 gennaio sarebbe stato il 74° compleanno di David Bowie.

Il punto di svolta più grande è arrivato quando Bowie lo ha contattato per vedere se i NIN sarebbero stati disposti ad aprire per lui un tour in un anfiteatro a sostegno del suo album Outside del 1995:

«Ogni volta che qualcuno lo menzionava e mi faceva domande, parlavo dei Low e di quanto ha influenzato The Downward Spiral, e forse ha attraversato la sua consapevolezza fino a quando ha detto, “Siete l’unica band che voglio portare con noi. Sareste pronti ad aprire per noi un tour in un anfiteatro?”»

E anche se essere in viaggio con il suo eroe lo ha reso sia «terrorizzato che intimidito», Reznor ha detto di aver avuto modo di incontrare il «vero essere umano» dietro la facciata in continua evoluzione e assolutamente all’altezza dell’immagine che l’artista si era costruito nella sua mente.

Articolo Precedente
Solange / fonte: Instagram

Addio Solange: il cantante e sensitivo trovato morto in casa

Articolo Successivo
Dababy / fonte: Instagram

Il rapper Dababy è stato arrestato ieri a Beverly Hills

Articoli correlati
Total
7
Share