Collegati con noi

ROCK

Stereophonics: “Volevamo che ‘Kind’ suonasse semplice e intimo”

A due anni di distanza da “Scream Above the Sound”, gli Stereophonics hanno pubblicato a ottobre 2019 “Kind” e saranno in Italia a febbraio. L’intervista

Stereophonics: nuovo album e data italiana del tour

Come chiudere un decennio incredibile? Semplice: pubblicando un album. Ed è proprio quello che hanno fatto gli Stereophonics.

La band ha infatti pubblicato il suo ultimo album, Kind, lo scorso 25 ottobre. Uscito a due anni di distanza dal loro lavoro precedente, Scream Above the Sound, è stato registrato in appena undici giorni e prodotto dal frontman del gruppo insieme a George Drakoulias. Con questo nuovo disco gli Stereophonics si concentrano su arrangiamenti più acustici per esaltare i testi, molto personali, scritti da Kelly Jones.

Se siete curiosi di ascoltarli live, la band ha annunciato un tour europeo che arriverà anche in Italia. Kelly Jones e compagni saranno al Lorenzini District di Milano il prossimo 8 febbraio.

Per il momento, in attesa del loro concerto, abbiamo raggiunto il bassista della band, Richard Jones, che al telefono ha risposto alle nostre domande.

Qual è la storia del vostro nuovo album, Kind?

Abbiamo iniziato a registrare l’album letteralmente il giorno dopo che abbiamo finito di portare in tour  Scream Above the Sounds. Fatto l’ultimo festival, ci siamo chiusi in studio. Abbiamo registato Hungover for You e altre canzoni nella stessa sessione. Poi ci siamo presi una piccola pausa, fino a marzo 2019. Abbiamo cercato di mantenere tutto il più semplice possibile nelle registrazioni: volevamo che non fosse troppo elaborato e che suonasse il meglio possibile.

Un disco “semplice”, ma con una grande attenzione ai testi…

Si, esatto. Volevamo che chi ci ascoltava cogliesse i sentimenti e le emozioni dei nostri brani. Non volevamo strafare, perché volevamo che questo disco fosse il più autentico possibile.

Mi sembra, tra l’altro, un album molto introspettivo. Lo è?

Si, è così. Molte canzoni sono state scritte da Kelly. Rispetto quello che gli è successo nella vita e tutti i sentimenti che ha provato. Penso che le canzoni siano il modo migliore per sfogarsi ed esprimere se stessi. È fantastico. Lui sa essere davvero molto introspettivo e riesce a far provare agli altri quello che ha provato lui. E il nostro ruolo come membri della band è esaltare al massimo i nostri brani per far si che i nostri messaggi arrivino diretti al pubblico.



Si è appena concluso un decennio. Com’è andato? E come sarà, secondo te, il 2020?

Penso sia stato un decennio fantastico per noi. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di essere una band che avesse un ottimo catalogo di opere. Amiamo quello che facciamo, siamo amici e abbiamo vissuto dei momenti meravigliosi dal 2010 all’anno che si è appena concluso. Abbiamo anche visto alla #1 Kind ed è stato davvero una grande gioia per noi. Siamo davvero emozionati per il 2020. Riprenderemo il tour che probabilmente ci impegnerà tutto l’anno. Una volta finito, decideremo se tornare in studio e incidere un altro album.

In un’intervista Kelly ha detto «essere in una band è come essere sposati». È vero?

Si, è vero (ride, nrd). Passi tanto tempo insieme e si fanno tanti compromessi. O meglio, si cerca di capirsi a vicenda al meglio, per riuscire a lavorare al meglio in sala prove e in tour. Siamo molto amici, quindi capiamo quando qualcuno ha avuto una brutta giornata e proviamo a supportarci al massimo. Quando le giornate sono positive ci divertiamo davvero molto. Quindi sì, alla fine è davvero come essere sposati.



L’ultima volta che avete suonato in Italia era nel 2018 in apertura ai Pearl Jam. Tra poco tornerete nel nostro Paese: l’8 febbraio al Lorenzini District a Milano…

Amiamo suonare in Italia, è sempre stato divertente suonare davanti a un pubblico così fantastico e in posti molto belli. Il vostro Paese ha moltissimi posti incredibili, c’è un sacco di storia e amiamo il cibo, ovviamente. Suoneremo a Milano per il nostro tour a febbraio e probabilmente torneremo per i festival in estate.

Cosa dobbiamo aspettarci dal vostro live?

Non abbiamo ancora fatto molte prove per i live del tour, ma abbiamo una setlist concordata da tempo. Faremo circa tra le 23 e le 26 canzoni. Probabilmente 5 o 6 dal nuovo album e una bella selezione dagli ultimi 10. Sembra banale da dire, ma noi amiamo suonare live. Proviamo a suonare sempre al massimo delle nostre capacità e dare il massimo quando siamo sul palco. Non vediamo davvero l’ora di tornare in tour e anche di suonare per il pubblico italiano.

Ascolta qui Kind degli Stereophonics



"Se ti potessi dire" è il nuovo singolo di Vasco Rossi "Se ti potessi dire" è il nuovo singolo di Vasco Rossi

Vasco Rossi, medaglia d’onore al padre antifascista

NEWS

Secondo i dati di ascolto TER, RTL 102.5 è ancora la prima radio in Italia

NEWS

La divertente teoria di Miley Cyrus sulla sua assenza ai Grammy Awards

NEWS

"This is Elodie", la playlist "freschetta" dell'Andromeda della musica italiana "This is Elodie", la playlist "freschetta" dell'Andromeda della musica italiana

Elodie «Con “Andromeda” vi stupirò ma dovete avvicinarvi per capirmi»

POP

Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup