10 canzoni da non perdere per Dave Rowntree dei Blur

Nel nostro magazine c’è la rubrica Personal Jukebox: playlist “d’artista” di dieci brani del cuore. Per il numero di luglio/agosto, lo storico batterista della band britannica, adesso al debutto da solista, è andato ben oltre al semplice elenco e commento breve. Lo pubblichiamo qui per esteso
Dave Rowntree - foto di Paul Postle
Dave Rowntree (foto di Paul Postle)

Amatissimo dai fan più fedeli dei Blur, Dave Rowntree non è mai stato una figura banale, seppur meno alla ribalta rispetto a Coxon e Albarn. Dovete sapere che è un fenomenale polistrumentista, ha una passione per le colonne sonore, è un podcaster, un ex sindacalista, avvocato e pilota di aerei leggeri!


Dave ha anche deciso di far uscire molto presto il suo primo album da solista: intanto un assaggio lo proverete ascoltando il primo singolo, London Bridge, prodotto con Leo Abrahams (Wild Beats, Brian Eno, Ghostpoet) e pubblicato da Cooking Vinyl. Se siete dei cultori dei Blur, leggendo questi commenti troverete molte chicche sulla vita personale di Dave Rowntree.


Ben Lukas Boysen, Golden Times 1

Una composizione per pianoforte e chitarra dal suo abbagliante album Spells. Adoro il modo in cui cambia seppure, in qualche modo, rimanga sé stessa. Golden Times 1 è come un fiume che serpeggia verso il mare. Ho avuto la fortuna di lavorare con Ben nel mio album. Abbiamo lavorato nel suo home studio a Berlino e la sua collezione – accuratamente tenuta – di attrezzature retrò e congegni moderni mi ha lasciato senza parole. Ogni elemento ha il suo scopo e il suo posto.  Puoi sentire tutta quella precisione e intelligenza nella musica che fa.

Fold, Be Water My Friend

I Fold sono interessanti, prendono suoni “trovati” (spesso anche da discorsi), li modificano e li trasformano in musica. Non è un’idea nuova e spesso l’avevo sentita realizzata male. Li ho scoperti ospitandoli nel mio programma a Radio XFM. Prima che iniziassi i miei show ero scettico sulle nuove uscite, come fanno le persone di mezza età, pensavo: “Era meglio ai miei tempi”. Ma dopo un anno di Radio XFM, sono giunto alla conclusione che la migliore musica venga prodotta proprio ora e siamo fortunati a vivere tutto questo adesso.

Floating Points, Falaise

La musica corre il rischio di diventare più convenzionale nel tempo: man mano che si creano generi, si stabilizzano. Ci vuole coraggio e immaginazione per andare controcorrente ma nella musica elettronica queste due caratteristiche non sono mai state scarse ed è anche in questo contesto che negli ultimi anni sono accadute cose rivoluzionarie.

Floating Points è un perfetto esempio. Ascoltandolo a casa o nei club, lui crea paesaggi sonori meravigliosi e abbaglianti che lasciano le persone stupefatte. Date un ascolto anche a Nespole dal suo album Eleania: qualcosa di completamente diverso ma altrettanto straordinario.

Jon Hopkins, Abandon Window

Questa traccia compie l’insolita impresa di riuscire a sciogliere il cuore e anche la mente. In apparenza è una composizione per pianoforte con semplici ripetizioni, ma è straordinariamente bella. Mentre la traccia si sviluppa, il pianoforte viene lentamente inghiottito dal rumore, s’intrecciano suono e riverbero. Poi, con uno svolazzo, il pianoforte scompare. Lentamente, il suono, il riverbero e lo “spazio” svaniscono nella nebbia, lasciando un profondo senso di bellezza, ma anche di perdita e un tocco tragico.

Ben Salisbury & Geoff Barrow, Ava

Fa parte della colonna sonora del film di fantascienza del 2014 Ex_Machina. Ben e Geoff erano relativamente sconosciuti quando hanno ottenuto la commissione per sonorizzare questo film e il loro brillante lavoro li ha aiutati a spingerli alla ribalta.

La trama del film ruota attorno a un giovane programmatore a cui viene chiesto di partecipare a un esperimento. Il suo capo ha costruito un nuovo tipo di robot la cui personalità è indistinguibile da quella di un essere umano e al giovane viene chiesto di incontrare il robot e vedere se se supera il cosiddetto “Test di Turing”. Ma il capo non menziona di aver costruito un robot, chiamato Ava, con molte delle caratteristiche di una giovane donna straordinariamente bella. Un giovane, un robot dalle sembianze di una donna attraente: cosa potrebbe andare storto?

Questa composizione crea il contesto emotivo per la scena dell’incontro dove ovviamente il programmatore s’innamora. In una partitura orchestrale le scene romantiche si ottengono con una bella melodia suonata dagli archi. Ma in un film di fantascienza con musica elettronica è una sfida più difficile. Ogni volta che lo sento, con una specie di strano riflesso pavloviano, mi innamoro di nuovo di Ava.

Tom Waits, Small Change (Got Rained On with His Own .38)

Avevo questa traccia su un mixtape che qualcuno ha fatto per me. Non sono mai andato oltre questa canzone sul nastro. Riavvolgevo in continuazione ogni volta che Small Change terminava, fino a quando la cassetta si ruppe. È una canzone fantastica. Evoca in modo così tangibile ciò che ti descrive, Waits crea il proprio ambiente nella tua immaginazione e ti attira dentro.

La traccia si apre con il suono di un fiammifero acceso e Waits che tira una sigaretta. Attacca un languido triste sassofono e poi Waits racconta la storia di Small Change e della sua uccisione. Ti senti come se fossi lì, su uno sgabello appoggiato a un bar accanto al tuo più vecchio amico. Puoi sentire l’odore del suo fumo di sigaretta, vedere le bottiglie di alcolici allineate davanti allo specchio. E ha la tua attenzione, completamente. Molto teatrale e per certi versi rivoluzionario per il 1976, anno di uscita dell’omonimo album.

Dopo aver ricevuto un premio nel 2011, proferì queste parole: «Dicono che non sforno hit e che quindi sia difficile lavorare con me… come se fosse una brutta cosa». Questa frase me lo fa amare ancora di più.

Holly Herndon, Fear, Uncertainty, Doubt

C’è una citazione dello scrittore di fantascienza e futurista Arthur C. Clarke in cui afferma che, al di là di un certo livello di sofisticatezza, la tecnologia è indistinguibile dalla magia. Holly ha superato quel livello di sofisticatezza qualche tempo fa e la sua musica, costruita in gran parte dalla voce umana elaborata dal computer: è bella, commovente ai massimi livelli, quindi magica, giusto?

In quale altro modo spieghi Fear, Uncertainty, Doubt? Una semplice melodia vocale completamente trasformata dalla magia digitale per creare qualcosa di incredibile complessità e bellezza sbalorditiva. In quale altro modo spieghi Frontier, dallo stesso album? Un brano che sembra dover tanto alla musica vocale rinascimentale quanto a Four Tet, e riesce ad essere potente, tenero e destabilizzante allo stesso tempo. Forse mi sbaglio e lei è davvero brava con il computer? No. Penso che sia pura magia.

Blur, Caramel

È difficile scegliere le mie canzoni preferite dal repertorio della mia band, i Blur. Ognuna porta con sé decenni di ricordi, il che mi rende difficile ascoltare la nostra musica. Ma su Caramel sono tornato spesso nel corso degli anni. Non ho mai chiesto a Damon di cosa trattasse esattamente il testo. C’è spesso magia nel non sapere, permettendo così alla nostra mente di stabilire le proprie connessioni. Ma l’adorabile voce sdolcinata di Damon, la bella melodia e la sequenza di accordi rendono Caramel una delle mie preferite.

Bérurier Noir, Petit Agité

Suono nelle band da quando avevo circa 11 anni. A 18 anni ero confuso, arrabbiato, disoccupato e senzatetto. In teoria suonavo in una band, ma in realtà vivevo alla giornata negli squat londinesi e la mia carriera musicale non sembrava andare da nessuna parte.

Parlando con un amico francese delle mie frustrazioni, lui mi disse che avrei dovuto pensare di fare dei concerti in Francia. La scena musicale era molto meno affollata laggiù a quei tempi ed era molto più facile vivere a buon mercato finché la band non decollava.

Ne discutemmo con i miei compagni di band e decidemmo che se fossimo stati artisti in difficoltà avremmo anche potuto farlo. Mettemmo tutti insieme i nostri assegni di sussidio e comprammo un furgone Bedford CF. Ci gettammo dentro i nostri strumenti e andammo in direzione del traghetto. Finimmo per vivere in Francia per due anni.

Fu uno dei periodi più belli della mia vita. Suonavamo in qualunque situazione, e se avessimo finito i soldi ci saremmo sistemati fuori da un bar accogliente e avremmo suonato per strada. Suonare ogni giorno ha portato la mia tecnica a un nuovo livello e la dimensione di suonare per mangiare ha trasformato la mia etica del lavoro in alcuni modi molto utili. E ho imparato a parlare francese, cosa che mi è tornata molto utile nel corso degli anni.

I Bérurier Noir erano una band parigina che all’epoca era molto presente nella scena underground, e la loro etica anti-establishment era letteralmente musica per le mie orecchie.

The Rolling Stones, Gimme Shelter

Essendo stato io stesso senzatetto, ho una prospettiva diversa sui senzatetto. Anche se non ho mai vissuto per strada, ho molta simpatia per coloro che lo fanno. Raramente è una “scelta di stile di vita”, nonostante ciò che dicono i commentatori più eccitabili. Spesso è il risultato di aver preso delle decisioni sbagliate all’inizio, le cui conseguenze sfuggono al controllo.

Per le persone provenienti da un ambiente stabile, con una famiglia amorevole e solidale, c’è sempre un’ultima rete di sicurezza. Per chi ne è sprovvisto, potrebbe non esserci una direzione amichevole in cui svoltare.

Io ho cercato di dare il mio aiuto. Abbiamo alloggi eccellenti ed enti di beneficenza per i senzatetto e li ho aiutati quando mi è stato chiesto. Ma si scopre che c’è un numero sorprendente di musicisti senzatetto, quindi sono stato particolarmente felice di essere stato chiesto di aiutare con un progetto a Norfolk volto ad aiutarli. Avrete capito che si trattava di riunire tutti i musicisti senzatetto che potevamo trovare in una stanza e fare musica. La traccia su cui abbiamo lavorato era giustamente Gimme Shelter degli Stones.

È abbastanza semplice per me suonare la chitarra, quindi abbiamo trovato qualcun altro che suonasse la batteria e il resto della band si è presentato con il suo strumento preferito. Il risultato è stato caotico, passionale e viscerale. Gli Stones sarebbero stati orgogliosi. E prima che la giornata finisse, ci assicuravamo che tutti i musicisti avessero preso contatto con un operatore sanitario e che avessero spiegato loro alcune opzioni.

Le persone spesso parlano in termini elevati del potere della musica di apportare cambiamenti. Ma sono orgoglioso di aver preso parte a una giornata in cui abbiamo messo la musica in pratica e, si spera, abbiamo iniziato un processo di svolta di vite altrui.

Ascolta la playlist di Dave Rowntree


Articolo Precedente
intervista Guido Harari - Lucio Dalla

Guido Harari, 50 anni di grande fotografia: «Nel ’77 ero sul palco di Santana quando lo incendiarono…»

Articolo Successivo
Thundercat - intervista - foto di Stefano Masselli - 1

Thundercat, bass hero e splendido outsider: «La gente mi riconosce per strada, a volte mi chiedo se sono fatto»

Articoli correlati

Total
18
Share