È morto Pete Shelley dei Buzzcocks, il nostro ricordo | Billboard Italia
Collegati con noi

ROCK

È morto Pete Shelley dei Buzzcocks, il nostro ricordo

Pete Shelley, il leader dei mitici Buzzcocks, ci ha lasciato giovedì scorso. Ecco il nostro ricordo

È morto Pete Shelley dei Buzzcocks
È morto Pete Shelley dei Buzzcocks

Premessa: questo omaggio di Alberto Campo è doveroso, soprattutto poiché avevamo pensato di intervistare proprio Pete Shelley per il prossimo capitolo della rubrica History of Music che pubblicheremo nel numero di febbraio, dedicata ai Buzzcocks. Quarant’anni fa la band pubblicò i loro favolosi album Another Music In A Different Kitchen e Love Bites per questa occasione la Domino Records farà uscire a gennaio delle preziose ristampe. Ma scriveremo anche di una notte speciale, anzi fondamentale nella storia della musica anglosassone, quella 4 giugno del 1976 e alla Lesser Free Trade Hall di Manchester, quando arrivarono in concerto i Sex Pistols. Il loro show cambiò la vita a molti presenti compresi tutti i membri dei Joy Division, dei The Fall e un giovane Morrissey.

Ecco cosa il nostro Alberto Campo ha voluto condividere con noi. “Aspettavo le risposte alle domande che gli avevo rivolto una decina di giorni fa. Poiché viveva in Estonia, si era convenuto fosse più semplice svolgere l’intervista via email. Gli chiedevo dettagli sul primo concerto dei Sex Pistols, atto fondativo della scena di Manchester, da lui organizzato nel giugno 1976 insieme a Howard Devoto, e dei motivi che spinsero poi quest’ultimo fuori dai Buzzcocks. Di come si sentisse allora, da musicista colto e pop, in mezzo al marasma di pogo, lamette e spille. Delle ragioni che lo indussero a farsi pioniere del ‘fai-da-te’ discografico con l’etichetta New Hormones. Le risposte non arriveranno mai, perché giovedì 6 dicembre, improvvisamente, Pete Shelley se n’è andato. Sono rimasto di stucco. Addolorato. Glen Matlock, bassista originario dei Pistols, onorandolo ha detto: ‘Dimostrò che non dovevi essere incazzato per essere punk’. Tutto qui. Ed è tantissimo.”



Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup