Marilyn Manson è stato accusato di violenze sessuali dall’ex assistente

Si allunga la lista di donne che sostengono di aver subito molestie sessuali da parte di Manson, scaricato a inizio anno da label e manager
Marilyn Manson, Axelle/Bauer-Griffin/FilmMagic
Marilyn Manson, Axelle/Bauer-Griffin/FilmMagic

Marilyn Manson sta affrontando nuove accuse di stupro e molestie sessuali, questa volta dalla sua ex assistente personale. Ashley Walters ha presentato una denuncia lo scorso mercoledì alla Corte Superiore del Paese di Los Angeles, in cui descrive diversi presunti episodi di abuso, risalenti al 2010 e al 2011.

Walters era un’aspirante fotografa quando ha incontrato per la prima volta Manson – al secolo Brian Warner –, che si era complimentato per il suo lavoro sui social media. Subito dopo essersi incontrati, il rocker si è spinto troppo in là, spiega il documento. Ciò nonostante, secondo quanto riferito, il rocker ha lasciato intendere che avrebbe potuto promuovere la carriera creativa di Walter offrendole il doppio di quello che guadagnava come coordinatrice dell’ufficio per una società di produzione. Walters ha accettato il suo invito a lavorare.

Alle dipendenze di Manson

Secondo i rapporti pubblicati, iniziò a lavorare come assistente personale di Manson nell’agosto 2010. Successivamente si ritrovò immersa ambiente di lavoro tossico, in cui ha fronteggiato aggressioni, violenze, minacce e altro prima della sua partenza l’anno successivo, che lei descrive dettagliatamente nella causa.

Walters, che ora ha 37 anni, afferma anche che l’artista l’ha fatta lavorare per 48 ore di fila e ha invitato i suoi amici a molestarla sessualmente. In un presunto incidente, Manson ha spinto Walters sulle ginocchia di un attore durante uno spettacolo di premiazione nel settembre 2010, e ha detto che poteva “averla”, si legge nella causa. “L’attore ha continuato a baciare Walters e a tenerla in grembo”, continua il documento. In un’altra occasione, il mese successivo, Walters descrive una situazione in cui Manson la presentò a un regista che ci provò con lei ripetutamente e le mise una mano sotto la gonna mentre le copriva la bocca.

«Mi ha fatto sentire come se fossi di sua proprietà», dichiara al The Cut. «Mi ha fatto sentire come un pezzo di carne». In totale, Walters fa sei rivendicazioni legali, tra cui molestie sessuali, stupro e inflizione di sofferenza emotiva. Oltre alla richiesta non specificata di danni, vuole che l’artista e i suoi dipendenti della Marilyn Manson Recordings Inc. partecipino a serie di incontri contro molestie e violenza sessuale.

Le accuse di Evan Rachel Wood

Walters è una delle oltre una dozzina di donne che hanno accusato Manson di abusi. Diventa inoltre la seconda donna a presentare un reclamo legale contro di lui. Segue infatti la causa dell’attrice di Game of Thrones Esmé Bianco, depositata il 30 aprile presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Centrale della California. A febbraio, la star di Westworld Evan Rachel Wood ha fatto il nome di Manson, suo ex partner, come suo presunto aggressore. Subito dopo che le sue affermazioni furono trasmesse, Manson ricevette il benservito dall’etichetta Loma Vista Recordings, CAA e dal manager di lunga data Tony Ciulla.

Billboard ha tentato in precedenza di contattare Manson per un commento.

Articolo Precedente
Franco Battiato, fonte: Instagram

Le leggende non muoiono mai. I colleghi ricordano Franco Battiato

Articolo Successivo
Led Zeppelin, foto di Dick Barnatt 2021

I Led Zeppelin fotografati da Dick Barnatt prima della fama in mostra a Bologna


Articoli correlati
Total
3
Share