Loredana Berté, compie 70 anni la “non-signora” del pop-rock italiano

Sempre avanti rispetto a tutti e a tutto, per l’amore della libertà di chiunque. Oggi compie gli anni un’artista unica: auguri Loredana Bertè
Loredana Bertè, foto di G.Squatriti
Loredana Bertè, foto di G.Squatriti

Un’innegabile voglia di infrangere le regole del buon senso comune e bigotto. Anche oggi che Loredana Bertè di anni ne compie 70. Da quando da piccola andava a scuola in minigonna a quando nel 1986 si presentò al festival di Sanremo con un pancione finto per sembrare incinta.

Loredana è la rocker per antonomasia, la non-signora del nostro pop. Mai scontata né banale, anche quando ha raccontato di tragedie immense come la perdita della sorella Mimì e ha rivelato che per lei “il tempo non lenisce le ferite ma semmai le acuisce”.

Una vita passata tra piccole e grandi sofferenze, come il rapporto burrascoso con i genitori e il padre severissimo e poco empatico, e grandi glorie. I successi musicali, innanzitutto, come i brani passati alla storia: Non sono una signora, E la luna bussò (che aprì le porte della musica italiana al reggae), Sei bellissima, In alto mare. Ma anche solo due anni fa aveva sbancato l’airplay radiofonico con Non ti dico no, insieme ai Boomdabash.

E poi gli amori, sempre decisamente tormentati e sotto i riflettori dei paparazzi (Björn Borg sopra tutti), e le amicizie entusiasmanti con Michael Jackson, Andy Warhol, Renato Zero, solo per citarne alcune.

Da venerdì 18 settembre sono iniziati i festeggiamenti per lei che pare non amarli molto.

È uscita l’esclusiva ristampa in vinile di LOREDANABERTÈ, l’album del 1980, quello della cosiddetta svolta funky che contiene In alto mare. Per la prima volta LOREDANABERTÈ sarà anche in formato Picture Disc, in due versioni: “Standard” con card  e “Deluxe” con card autografata dall’artista in serie limitata e numerata a 1000 copie. È il primo di 5 appuntamenti, “70Bertè – Vinyl collection”, che usciranno nel corso dell’anno e che celebrano il talento di quest’artista. Unica.

Articolo Precedente

Alla scoperta di Sina: «Voglio fare dischi che restino»

Articolo Successivo
Asaf Avidan - intervista - Anagnorisis - foto di Paolo Santambrogio

Asaf Avidan: «Dalla cura dell'ulivo ho re-imparato a strutturare la musica»

Articoli correlati
Total
3
Share