Olivia Rodrigo superstar: «Ma sono anche una studentessa liceale»

Il 21 maggio esce il primo disco della cantante americana diventata celeberrima con la hit Drivers License. Non per niente Billboard USA le ha dedicato la cover story del nuovo numero
Olivia Rodrigo - Sour - album
Olivia Rodrigo (fonte: ufficio stampa)

È bastato appena un singolo – Drivers License – per farne una nuova, lucentissima stella del pop mondiale. Ma la storia artistica di Olivia Rodrigo parte da quel grande incubatore di talenti della pop culture che sono le produzioni Disney. Dopo aver incantato il pubblico dei Brit Awards, adesso è il momento dell’album d’esordio, Sour, in uscita venerdì 21 maggio. Saprà reggere il peso delle aspettative? Nell’attesa, la cantante e songwriter si è raccontata nella lunga cover story che le ha appena dedicato Billboard USA.

«Mi appassionano tutti i tipi di musica», dice, parlando con disinvoltura di ogni genere di argomenti musicali – vinili, Grammy Awards, Jack White, Fearless di Taylor Swift. «Hai presente quando chiedi a qualcuno “Che musica ti piace?” e ti rispondono “Ascolto di tutto”? Tu pensi: “Ok, questo non mi dice niente”. Ma io sono davvero così».

Rodrigo è giovanissima: classe 2003. Il successo travolgente l’ha inevitabilmente distratta dal diploma superiore che deve ancora prendere. «Mi manca tipo un mese dell’ultimo anno, ma ultimamente ho un po’ trascurato gli studi», dice. «Per via della realizzazione del mio album, è come se mi fossi dimenticata di essere anche una studentessa liceale».

La sua fortuna come artista musicale nasce con All I Want, una ballad di pianoforte che parla di ripetute delusioni d’amore e che ha fatto da colonna sonora al quarto episodio della prima stagione di High School Musical: The Musical: The Series. Il brano è diventato virale su TikTok, entrando così nella Billboard Hot 100 a inizio 2020. «All’epoca non ce lo avevo neanche, TikTok. Mi chiedevo: “Cos’è ‘sta roba? Perché la gente fa questi video di pochi secondi?”», dice sorridendo. «Ma è grazie a quella canzone che Interscope Records mi ha trovato».

Dopo il successo di Drivers License alcune case automobilistiche le hanno proposto di usare il brano in spot pubblicitari, ma al momento il brano non è ancora stato concesso in licenza. «Guidare è quello che preferisco», dice con semplicità. «Ogni volta che mi sento stressata, salto in macchina e faccio qualche giro ascoltando musica o cose così».

Dice di essersi convinta del potenziale del brano quando l’ha fatto ascoltare a suo padre, proprio in macchina: «Potevo vedere le lacrime sotto i suoi occhiali da sole. Non mi capita mai di vedere mio papà piangere. Ho pensato: “Ok, forse ho fra le mani qualcosa di valido”».

Nel corso dell’intervista con Billboard USA, Olivia Rodrigo confessa che – oltre a creare la propria musica – la cosa che la stuzzica di più è l’idea di scrivere per altri artisti come songwriter. «Nel momento in cui il ciclo promozionale dell’album è terminato e non sto più viaggiando, quella è l’unica cosa che voglio davvero mettermi a fare. L’ho sempre detto. Magari quando avrò trent’anni o giù di lì e avrò figli smetterò di fare musica e scriverò solo per altre persone. Perché adoro scrivere canzoni. Ancora più che pubblicarle».

La copertina di Sour di Olivia Rodrigo

Olivia Rodrigo - Sour - copertina album

Sour – Tracklist

  1. brutal
  2. traitor
  3. drivers license
  4. 1 step forward, 3 steps back
  5. deja vu
  6. good 4 u
  7. enough for you
  8. happier
  9. jealousy, jealousy
  10. favorite crime
  11. hope ur ok

Articolo Precedente
Giulia Stabile Sangiovanni

Finale forse scontata, ma ad Amici 20 vincono personalità e inediti

Articolo Successivo
MC Kevin, fonte: Instagram

Il funkeiro MC Kevin è morto a 23 anni. Il ricordo di Neymar

Articoli correlati
Total
9
Share