Mahmood: il 3 febbraio arriva “Inuyasha”, in attesa del nuovo album

Il 2021 segnerà anche il ritorno di Mahmood con un progetto, di cui ci verrà presto servito un assaggio ispirato al manga giapponese
Mahmood
Mahmood/fonte: ufficio stampa

Dal 21 settembre 2018 ad oggi sono passati due anni abbondanti. Quel giorno usciva Gioventù Bruciata, l’EP con cui Mahmood anticipava l’esplosione nazionale con il suo successo più grande, Soldi. Questo venerdì il cantante milanese ha chiuso il cerchio dell’attesa con un doppio importante annuncio. Nel 2021 ascolteremo il suo nuovo album di inediti. E il 3 febbraio arriverà il primo estratto Inuyasha.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mahmood (@mahmood)

Ne è passato di tempo, ma l’artista non è certo rimasto fermo, anzi. Il 2020 di Mahmood è stato reso indimenticabile da due apprezzatissime prove, Rapide e Dorado, che gli hanno permesso di puntellare uno score piuttosto invidiabile: 14 dischi di platino, 5 dischi d’oro e oltre 400 milioni di streaming.

Il singolo che ascolteremo il 3/2 è scritto dallo stesso Mahmood e da Dardust (che ne è anche produttore). Per confezionare la ballad inedita, i due si sono ispirati al noto manga giapponese Inuyasha. L’omonimo protagonista del fumetto è un mezzodemone che riesce ad arginare il suo lato oscuro per tutelare i compagni di viaggio, rinunciando volontariamente a diventare un demone completo. Un brano che esplora il fragile equilibrio tra relazioni e controllo, e che ci permetterà di immergerci lentamente nella più ampia e profonda dimensione dell’album.

Sarà ovviamente difficile arginare il toto featuring da qui alla pubblicazione del disco. Da tempo si vocifera di una possibile collaborazione con Rosalía, considerato anche che Mahmood gode già di una discreta apertura di mercato in Spagna. Che sia questo l’asso nella manica per la prossima fatica discografica? In ogni caso, che la star catalana sia presente o meno, c’è da scommettere che il progetto darà ad Alessandro un’altra decisa spinta verso l’Olimpo dell’urban pop europeo.

Articolo Precedente
Piotta (foto Alfredo Villa)

Piotta: «In ogni brano di "Suburra" rendo il conflitto dei personaggi»

Articolo Successivo
Rancore e Margherita Vicario_ph. Giovanna Onofri

Dagli Psicologi a Rancore e Margherita Vicario, le migliori uscite italiane


Articoli correlati
Total
3
Share