Il legale di Britney Spears l’ha paragonata ad una persona «in coma»

Mercoledì l’avvocato Samuel Ingham ha escluso un ritorno sul palco di Britney Spears, mettendo poi in discussione le sue facoltà mentali
Gabe Ginsberg/FilmMagic

Il movimento #Freebritney è cresciuto esponenzialmente questa estate grazie ai fan convinti che Britney Spears dovrebbe essere rilasciata dallo stato di conservatorship in cui si trova dal 2008.

Mercoledì l’avvocato della cantante nominato dal tribunale ha detto a un giudice di L.A. che la popstar non ha più la capacità di firmare una dichiarazione per esprimere le sue volontà, paragonandola ad una persona «comatosa».

Da agosto, il legale Samuel Ingham ha alimentato le speranze del movimento #Freebritney presentando documenti legali secondo cui Britney non voleva più che il padre, Jamie Spears, fosse l’unico responsabile della custodia.

Avrebbe cercato, inoltre, di mantenere segreta la controversia chiedendo alla corte di sigillare i registri.

Una notizia sembra esser stata largamente ignorata da coloro che chiedevano l’emancipazione di Britney.

Il 31 agosto è stato rivelato da Ingham che la custodia è volontaria. Se la cantante vuole uscire, Ingham può archiviare i documenti. Naturalmente, non sarebbe un’operazione così semplice o veloce. 

Ci sarebbe probabilmente una valutazione in merito alle capacità di prendere una decisione del genere – soprattutto ora che Ingham l’ha messa in discussione in tribunale – e sulle facoltà di gestire i suoi affari senza essere soggetta a indebita influenza.

Tuttavia, l’accuse secondo cui Jamie stava effettivamente tenendo la cantante in ostaggio ha continuato a guadagnare terreno con i fan questa estate, in particolare dopo il 17 agosto.

In quella data, l’avvocato di Britney Spears era uscito allo scoperto sostenendo che la sua assistita non volesse più rimanere sotto l’esclusiva custodia del padre.

Britney Spears non vuole più esibirsi

Ingham descrisse la custodia della cantante in tre fasi. 

Durante la prima fase di “triage”, «i suoi tutori l’hanno salvata da un collasso, dallo sfruttamento da parte di aguzzini e dalla rovina finanziaria».

Poi è arrivato il momento in cui era attiva, in grado esibirsi di nuovo, e «con l’aiuto di un personal manager, di un business manager e di molti altri individui, Britney è stata in grado di riconquistare la sua posizione di entertainer di livello globale con più tour mondiali, una serie televisiva e una residenza a Las Vegas».

La terza e attuale fase, dice, riflette il desiderio di Britney di non esibirsi, e sostiene che «la tutela deve essere sostanzialmente modificata per riflettere i grandi cambiamenti nel suo stile di vita attuale e i suoi desideri dichiarati».

L’avvocato ha anche sottolineato che Britney stava chiedendo le modifiche «senza in alcun modo rinunciare al suo diritto di chiedere la fine di questa custodia in futuro».

View this post on Instagram

Beautiful eye 👁 !!!!

A post shared by Britney Spears (@britneyspears) on

Jamie ha poi chiesto che Andrew Wallet, co-tutore per più di un decennio fino all’allontanamento nel marzo 2019, venga rinominato

Ingham ha presentato una richiesta per nominare invece una società chiamata Bessemer Trust, chiedendo alla corte di nominare una squadra di consulenti legali da Loeb & Loeb.

La figura pronta ad entrare in corsa, chiunque essa sia, supervisionerebbe gli interessi commerciali di Britney insieme a Jamie. 

Questo include questioni come assumere avvocati e agenti, gestire gli investimenti, pagare le bollette e perseguire impegni professionali purché siano approvati dal team medico di Britney.

Tra supervisioni e squadre di consulenti legali

Le sue questioni personali sono al momento al vaglio di Jodi Montgomery, che ha assunto il ruolo di tutore della persona nel settembre 2019, dopo che Jamie l’ha lasciata in mezzo a problemi di salute. 

Può limitare le visite, mantenere tutori e comunicare con i professionisti medici, compresi quelli che forniscono cure psichiatriche (la richiesta di Ingham di nominare Bessemer richiederebbe anche l’approvazione di Montgomery su qualsiasi impegno professionale).

Il 2 ottobre, Jamie ha ritirato la sua richiesta di nominare Wallet e ha presentato un’opposizione alla richiesta di nominare un consulente legale. Stando a questi documenti, Jamie pensava che il consulente (e una squadra aggiuntiva di avvocati) sarebbe stato una spesa eccessiva e inutile. 

Jamie preferirebbe confrontarsi con Ingham e sua figlia per «trovare la struttura più efficiente ed efficace che comprenda un fiduciario aziendale, tenendo conto dei molti fattori complessi del suo stato, facilitando il suo ritorno al lavoro in futuro, nel momento in cui lei vuole farlo».

Dal canto suo, Ingham insiste sul fatto che l’avvocato legale è ancora necessario, perché hanno già avuto molteplici incontri falliti e non crede che Jamie concederà la nomina della Bessemer Trust:

«I suoi consulenti sono sempre i benvenuti quando si tratta di rispondere al telefono per discutere una risoluzione, ma Britney non dovrebbe essere obbligata a rinunciare alla rappresentanza legale qualificata come prezzo della chiamata».

Prima di tale ritiro, vi era stata una lotta in merito alle parti dei procedimenti da rendere pubbliche.

Il 19 agosto Jamie ha depositato una mozione per sigillare suppliche e trascrizioni relative alla nomina di un co-tutore.

Il timore era che avrebbero contenuto dettagli relativi alle informazioni sanitarie e private di Ms. Spears, del legale e dei figli, oltre che segreti commerciali della popstar.

Britney Spears vuole che i fan siano informati

Ingham ha combattuto, definendo la sua cliente «fermamente contraria» alla chiusura. Non ci sarebbero inoltre stati «problemi medici»; si sarebbe al contrario trattato di uno sforzo per «tenere la sua lotta legale nascosta nell’armadio come segreto di famiglia».

Ha anche detto che Britney Spears vuole che i suoi fan siano informati. Questo, comprensibilmente, ha portato ad una richiesta di trasparenza da parte degli stessi supporter.

Jamie ha fatto notare che Ingham non aveva allegato alcuna prova, sottolineando il potenziale danno che potrebbe verificarsi se le informazioni sensibili dovessero diventare pubbliche.

In particolare, le informazioni relative alla sua salute, la sua capacità di prendere decisioni, i suoi rapporti d’affari.

Nonostante la corte avesse emesso una sentenza provvisoria per respingere la richiesta di sigillo, Ingham si allontanò. Le parti suggerirono alla corte di sospendere la sentenza fino a un’udienza successiva che avrebbe affrontato la nomina di un co-custode.

Mentre i motivi di Jamie e di altri membri della cerchia ristretta di Britney sono regolarmente contestati dai fan, pochi sembrano interrogarsi su Ingham. Anche se potrebbe potenzialmente raccogliere più di mezzo milione di dollari in spese legali quest’anno.

Le spese legali dell’avvocato

Le sue spese, che sono soggette alla supervisione del tribunale, ammontavano a quasi 375.000 dollari nel 2019. Potrebbero arrivare a 520.000 dollari entro la fine del 2020.

Attualmente ha un tetto massimo di 10.000 dollari a settimana, un importo che è stato recentemente ri-approvato dal tribunale dopo che Ingham si è lamentato che non era stato pagato.

Potrebbe però richiedere fondi aggiuntivi se le sue tasse dovessero superare quel limite data la quantità di attività recente in materia. 

Per il periodo tra il 17 agosto e il 5 settembre, più o meno nel lasso di tempo in cui la disputa sul co-tutore ha iniziato a fare notizia, Ingham è stato pagato $ 37.000.

Mercoledì, le parti sono apparse a distanza davanti al giudice Brenda J. Penny.

 È stato riferito che le dichiarazioni di Ingham sui presunti desideri di Britney stanno suscitando preoccupazioni, non avendo presentato alcuna dichiarazione a sostegno di tali affermazioni

Ingham ha sostenuto che la sua cliente non ha la capacità di firmare una dichiarazione. Ha aggiunto poi che se stesse rappresentando un cliente “comatoso” gli sarebbe permesso di trasmettere i desideri di quella persona senza una dichiarazione.

Le parti sono state invitate a deporre sulla questione della «capacità di eseguire una dichiarazione verificata» entro la fine di questo mese.

Un’udienza è attualmente fissato per il 10 novembre.

Articolo Precedente

Ariana Grande e Lorde spingono i fan ad andare a votare con la loro musica

Articolo Successivo
Sfera Ebbasta: le date europee del suo Summer Tour 2019

Sfera Ebbasta "in cima" al Duomo per il nuovo disco: «Ora tocca a me»

Articoli correlati
Total
4
Share