Hozier: «"Nina Cried Power", il mio documento sullo spirito di protesta» | Billboard Italia
Collegati con noi

POP

Hozier: «”Nina Cried Power”, il mio documento sullo spirito di protesta»

L’EP “Nina Cried Power” costituisce un assaggio di quello che sarà il secondo album in studio di Hozier, in uscita nel 2019. Ne abbiamo parlato con lui qualche ora prima del live a Milano

Hozier - Nina Cried Power - 1 - ph Edward Cooke
Hozier - Nina Cried Power - 1 - ph Edward Cooke

Hozier è recentemente passato dall’Italia (precisamente all’Alcatraz di Milano) per presentare dal vivo – oltre ai suoi precedenti successi, come la super hit Take Me to Church – anche i nuovi brani contenuti in Nina Cried Power. L’EP, pubblicato a settembre, è per stessa ammissione del suo autore una sorta di teaser di quello che sarà il suo secondo album in studio, in uscita nel 2019. Ne abbiamo parlato con lui qualche ora prima del live.

Hozier - Mavis Staples - Nina Cried Power

Hozier e Mavis Staples durante le registrazioni di Nina Cried Power

Le anticipazioni sul nuovo album

«Tutte le canzoni sono già state registrate e il mix è nelle sue fasi finali – rivela Hozier – L’album sarà pubblicato verso l’inizio di primavera del 2019. Ci saranno alcuni singoli: Movement è il primo di essi. L’EP è stato un buon “teaser” per alcuni dei temi e delle atmosfere che saranno sul disco. Probabilmente Nina Cried Power sarà inclusa nella tracklist. Sarà un album molto variegato: ci sono canzoni molto folk, tradizionali, e altre più rock and roll».

Nina Cried Power: una canzone di protesta

Riguardo alla title track dell’EP Hozier parla con grande trasporto e circostanzia i motivi che l’hanno spinto a scrivere una vera e propria canzone di protesta: «Volevo fare una canzone che fosse piena di speranza e non cinica, che guardasse al lavoro di altri artisti sotto diverse circostanze: per esempio Mavis Staples, Woody Guthrie o Nina Simone (tutti citati nel testo, ndr), tutte persone che hanno fatto sentire la loro voce su temi che sentivano come importanti. E ciò ha costituito un documento di ciò che noi spesso troviamo d’ispirazione. È solo il mio grazie per tutto questo. Volevo scrivere qualcosa che parlasse di spirito di solidarietà e di protesta».

La conversazione prende una marcata piega “social-conscious” che ormai è rimasta appannaggio di una piccola minoranza di artisti: «Per me tutto è politico – continua Hozier, citando involontariamente Pasolini – Anche i vestiti che indossiamo e la musica che ascoltiamo o creiamo hanno una dimensione politica. Se qualcosa coinvolge l’esperienza delle persone, ha un risvolto politico. Le canzoni non sono solo canzoni: sono documenti di un tempo e di un luogo. Sono importanti per via del contesto in cui sono state fatte».

La canzone è nata anche da un sentimento di frustrazione nel constatare proprio che, per timore di passare per moralizzatori su un piedistallo, pochi artisti di oggi si prendono la briga di scrivere canzoni per un mondo migliore. Ma una volta era diverso: «Per persone come Mavis Staples (leggenda vivente del soul / R&B; canta con lui nel pezzo, ndr) non si trattava di un’opzione: era una cosa che doveva essere fatta. Per loro la necessità di cambiamento era una cosa molto seria, così come il fatto di scrivere canzoni al riguardo».

La collaborazione con Mavis Staples

Il featuring con Mavis Staples affonda le radici in un’ammirazione per il mondo della musica black che ha animato Hozier sin da giovanissimo: «Da ragazzino ascoltavo molto gli Staple Singers (la band di Mavis, ndr). Amavo la musica gospel, le sue armonie vocali. Poi ho scoperto il suo contesto e ne sono rimasto affascinato. Canzoni come Long Walk to D.C. erano un invito a unirsi alla marcia».

Per lei nutre la massima stima sia come musicista che come persona: «So che aveva sentito Take Me to Church e che le piaceva molto, la canticchiava ogni tanto. Quando è nata la canzone non c’era dubbio che dovesse essere fatta con lei. Non ci siamo incontrati fino al giorno in cui l’abbiamo registrata. Non puoi immaginare quanto sia gentile e carismatica: la persona più dolce e calorosa che abbia mai conosciuto. Abbiamo passato una bellissima giornata a registrare le parti vocali a Chicago».

Guarda il video di Nina Cried Power di Hozier



Jefeo Jefeo

Jefeo: «Il confronto è sacro» – Intervista

ITALIANA

I Hate My Village - foto di Ilaria Magliocchetti Lombi I Hate My Village - foto di Ilaria Magliocchetti Lombi

Ballando liberi nella “discoteca primitiva” degli I Hate My Village

INDIE

Il nuovo singolo di Paola Iezzi è "Gli Occhi del Perdono" Il nuovo singolo di Paola Iezzi è "Gli Occhi del Perdono"

Il nuovo singolo di Paola Iezzi è “Gli Occhi del Perdono”

ITALIANA

Madonna - Madame X Madonna - Madame X

“Madame X”, esperimento glocal: vi raccontiamo il nuovo album di Madonna

POP

Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup