Ariana Grande: tutti i brani di “Positions”, dal peggiore al migliore

Abbiamo ordinato la tracklist del nuovo album di Ariana Grande in ordine decrescente, per esaltare i picchi di qualità del progetto
Dave Meyers

Se gli ultimi due album di Ariana Grande – Sweetener del 2018 e Thank U, Next dell’anno scorso – sono state devastanti esplorazioni di traumi personali cantate da una delle più grandi artiste del pop, Positions rappresenta una guarigione grazie al nuovo amore. Ariana Grande cattura nel disco una superstar in transizione beata, tenendo alta la guardia mentre persegue la felicità attraverso l’amore, il sesso, la comprensione personale e la realizzazione professionale.

Visualizza questo post su Instagram

tonight 🤍

Un post condiviso da Ariana Grande (@arianagrande) in data:

La voce della cantante rimane l’attrazione principale, e le corde sovrapposte alla produzione R&B danno a Positions la lucentezza di un’affermazione particolarmente unificata.

Ma i punti salienti dell’album provengono da aree completamente diverse della competenza di Ariana Grande, che continua a crescere come artista.

Positions non ha punti deboli evidenti, alcune delle sue 14 canzoni sono notevoli. Ecco un’opinione preliminare sulle migliori canzoni del disco di Ariana Grande.

West Side

“Non voglio pensare troppo, voglio solo sentire”. Ariana Grande inizia così la canzone più breve della track list, che ha lo scopo di alleviare la pressione in una nuova storia d’amore mettendo in evidenza le aspettative e promettendo euforia. È una dichiarazione di intenti confusa. Grande è ferma nelle sue convinzioni e intransigente nelle sue emozioni, anche se il ritmo continua a saltare indietro all’inizio.

Obvious

È il suono di Ariana Grande che abbraccia l’emozione del giovane amore. Tutti i sogni, le paure, il sesso, le aspettative, le speranze e la fantasia racchiusi in due minuti e mezzo, costruiti intorno a un gancio che spiega perché l’amore di Ariana non costa nulla. “Sapevo che eri reale quando hai varcato la porta”, canta sia del suo nuovo partner che dell’amore che condividono.

Nasty

Un po’ più sottile di 34+35, Nasty permette ancora a Ariana Grande di esercitare il suo potere sessuale senza pretese, mostrando la sua voce eccellente su un battito scoppiettante e promettendo di “darlo a voi come non l’avete mai avuto”. Anche se il brano non è presentato come un perno della lista, la performance sfumata non dovrebbe essere trascurata.

Just Like Magic

Il pezzo abbina un battito trap ad una visione divertente dell’attuale giornata di Ariana Grande: incontri di squadra, meditazione, ascolto dei suoi demo, guardare troppo il suo telefono (chi non si può rivedere in quest’ultimo, giusto?).

Six Thirty

Il bridge in Six Thirty rappresenta uno dei singolari momenti salienti di Positions, una canzone su come mettere in discussione i limiti dell’impegno. La star inizia a rappare di scenari ipotetici per chiedersi ad alta voce come il suo partner reagirà (“Cosa hai intenzione di fare quando mi annoio/ E voglio giocare ai videogiochi alle 2 del mattino? / E se ho bisogno di un amico? Vuoi cavalcare fino alla fine?”). Ariana rappresenta così un impulso molto umano e conferisce al brano una nuova immediatezza.

Off The Table ft. The Weeknd

I testi della collaborazione con The Weeknd sono pronti per essere stimolati e analizzati – di chi sta cantando Grande quando si concentra su un amore che è “così dannatamente difficile da sostituire”? Un passo indietro, però, e digerire il brano come un classico duetto R&B con un concetto coinvolgente, con la cantante che ammette che non può essere presente in una relazione come lo era una volta e The Weeknd che cerca di elaborare. Più meditativa della loro top 10 hit Love Me Harder, Off The Table mette alla prova Ariana Grande e The Weeknd con il songwriting.

Love Language

Come per molti dei momenti salienti dell’album, Love Language fa suonare un arrangiamento complicato senza sforzo sotto la dolce guida di Grande – e che diventi o meno un singolo, è una canzone per cui varrà la pena di tornare su Positions.

Safety Net ft. Ty Dolla $ign

Mentre Grande e Ty Dolla si dilettano a saltare fuori dal fondo di una relazione, la produzione spettrale – tutta percussione contemplativa e desiderio vocale – raccoglie i loro dubbi persistenti e li rende udibili. Anche se Safety Net suona un po’ al passo con il DNA carico di corde dell’album, la canzone arriva al cuore del suo scopo. Ariana Grande ha trovato un nuovo amore, e mentre lei ha paura di fare un altro salto, la corsa è troppo esilarante per negare.

Shut Up

La traccia di apertura su Positions è maestosa e sontuosa. Ariana aggiorna la sua vita allontanando chi presume di sapere tutto, mentre le corde e le armonie stratificate trasformano il brush-off in un affaire decadente. “Tutti questi demoni mi hanno aiutato a vedere la merda in modo diverso / Quindi non essere triste per me”.

My Hair

Una canzone su Ariana Grande che permette a qualcuno di scorrere le dita attraverso la sua coda di cavallo porta naturalmente un’atmosfera più sciolta rispetto al resto del disco. C’è come un cenno meravigliosamente eseguito ad un’epoca passata di pop ritmico.

Motive ft. Doja Cat

Su una traccia in cui Grande e Doja Cat, ospite speciale, mettono in discussione le intenzioni pure dei loro partner romantici, Positions riprende il ritmo, e la produzione (co-prodotta da Murda Beatz) guida la canzone in avanti. 

Positions

Quando viene presentato con il resto del progetto per il contesto, Positions ha un sacco di senso come singolo principale e ispirazione per il titolo dell’album. Il singolo lavora sui margini e supera nei dettagli, ma ascolti ripetuti rivelano il livello speciale dell’esecuzione di Ariana Grande – lei tesse attraverso ad-libs prima di inchiodare il coro della major-key, e fa sembrare tutto facile nel processo.

34+34

Pochi artisti che lavorano oggi potrebbero pubblicare una sex track esplicita che suona così lussuosa e riccamente dettagliata: 34+35 (fate i conti, vi farà ridere, proprio come fa Grande nel coro) permette alla pop star di buttare fuori linee come “F-k me’ til the daylight” su uno sfondo opulento di archi, battiti e voci. Il risultato è divertente, con Ariana Grande che scrolla le spalle dal bisogno di eufemismi.

POV

POV potrebbe essere una ballata R&B tradizionale. Ariana Grande usa il finale di Positions per rompere questo stampo. La canzone è uno show mozzafiato, il più elegante. In parte è dovuto al suo concetto lirico, un’esaltazione del modo in cui l’amore può appianare le imperfezioni nella percezione (“Mi piacerebbe vedermi dal tuo punto di vista”, conclude Grande); l’osservazione stessa non è innovativa, ma il livello di intimità messa in mostra permette di sbirciare all’interno di una nuova relazione. Crogiolatevi nello splendore del pezzo, e cercate di non sentire il vostro cuore saltare un battito quando Ariana Grande entra nel suo registro superiore durante il coro finale.

Articolo Precedente
Sam Smith, foto di Alasdair McLennan

Sam Smith: «"Love Goes" è il mio primo heartbreak album». Guarda l'esibizione al Late Show

Articolo Successivo
Renato Zero, foto Roberto Rocco

Renato Zero si appella ai colleghi: «Autotassiamoci per dare una mano»

Articoli correlati
Total
18
Share