Alla scoperta dei dolori della giovane beabadoobee. L’intervista

La 20enne filippina beabadoobee è sulla stessa lunghezza d’onda emotiva della propria generazione, di cui interpreta in musica i disagi
beabadobee, foto di Nicole Nodland
beabadobee, foto di Nicole Nodland

beabadoobee è la star filippino-britannica in auge da mesi, grazie soprattutto a Death Bed, il brano insieme a Powfu che le è valso il disco di platino negli Stati Uniti, Nuova Zelanda, Australia e Messico e il primo posto nella Billboard Hot 100. Qui l’intervista concessa a Billboard US.

Nel 2017, Bea Laus (beabadoobee) era stata cacciata dalla sua scuola cattolica a Londra per una combinazione di «voti e comportamento», dice.

 «Sapevano che fumavo spesso nei bagni, e credo che fosse una brutta cosa».

Aveva frequentato la scuola da quando aveva 12 anni e spesso si sentiva alienata durante il suo periodo lì: «Non avevo gli stessi hobby di tutti gli altri bambini asiatici» ricorda «ed ero troppo asiatica per stare con i più popolari».

La ventenne è nata nelle Filippine e si è trasferita nel Regno Unito con i genitori quando era una bambina

Mentre suo padre si concentrava sempre sui suoi studi accademici, sua madre sosteneva l’educazione musicale, incoraggiando Laus a suonare il violino a partire dall’età di 5 anni e introducendola ad Alanis Morissette e ai Nirvana, che hanno dato vita ad un amore per il rock alternativo degli anni ’90.

Essere espulsi da scuola ha fatto sentire Laus persa. Si è rivolta alla scrittura come una pubblicazione terapeutica, e si è consolata nella musica di Alex G, Elliott Smith e The Moldy Peaches. 

Suo padre le comprò una chitarra classica di seconda mano, che imparò a suonare guardando i tutorial su Youtube. 

La prima traccia originale che ha scritto per chitarra è stata la dolce canzone d’amore acustica Coffee che ha caricato per i servizi di streaming nel 2017 ed è diventato il suo singolo breakout con il nome di beabadoobee.

Il nome deriva dal nome dell’account inventato per il suo Finsta, un account Instagram secondario, perché al momento aveva pensato che «nessuno se ne sarebbe preoccupato».

I primi fan di beabadoobee

Poco dopo, i fan hanno iniziato a lasciare feedback positivi sulla canzone su Instagram pubblico di Laus, che l’ha incoraggiata a fare più musica. 

Tre anni più tardi, i suoi sentimenti di isolamento sono consegnati come canzoni pop rock da camera da letto sul suo album di debutto, Fake It Flowers, vicino ai dolori della giovane età adulta. 

E colpiva così un nervo scoperto di una fan-base femminile prevalentemente giovane, che gravita verso di lei come uno spirito affine.

Nel 2018, due mesi dopo aver pubblicato un tranquillo EP di chitarra che si concentrava sulla solitudine, la depressione e l’angoscia adolescenziale attraverso quattro canzoni in meno di nove minuti, ha condiviso la tenera Susie May.

Il pezzo unico attirò l’attenzione di Jamie Oborne, fondatore dell’etichetta indipendente Dirty Hit, casa di The 1975, The Japanese House e Rina Sawayama, tra gli altri.

«Ho solo pensato che fosse straordinario», ricorda Oborne. «Era come un mashup di Brian Wilson ed Elliott Smith».

Visualizza questo post su Instagram

♥️⚡️fake it floWERS 🌹

Un post condiviso da beabadoobee (@radvxz) in data:

La firma del deal

Ha inviato una mail a Laus, e dopo un paio di incontri – che comprendevano anche il responsabile A&R Chris Fraser e Chris Melian, un manager dell’etichetta – Laus ha firmato un contratto discografico.

Mentre Laus avrebbe esplorato una produzione più audace e elettronica sui suoi tre EP successivi, Coffee continuò a portarle più attenzione, molto tempo dopo la sua uscita.

L’anno scorso, il rapper canadese Powfu lo ha campionato per la sua canzone death bed (coffee for your head), trasformando il ritornello di Laus in una canzone ipnotica. La traccia è esplosa su Tiktok dopo che è stato pubblicato per l’etichetta di Powfu, Columbia, e alla fine ha raggiunto N. 23 sulla Billboard Hot 100.

Conoscere il proprio target

«Molte persone attribuiscono il suo successo a questa collaborazione, ma in un certo senso, a causa di tutto il lavoro che aveva fatto per costruire questo pubblico, era quasi predestinata ad avere successo», dice Chaz Jenkins, direttore commerciale della piattaforma di analisi dei dati musicali Chartmetric.

Il che dimostra che oltre il 50% degli oltre 800.000 follower di Laus su Instagram sono donne sotto i 24 anni:

«Capisce intuitivamente il suo target demografico perché è il suo target demografico».

Laus ha scritto le canzoni – alcune delle quali ricordano momenti dolorosi e isolanti mentre altre guardano al suo futuro di speranza – nella sua camera da letto, prima di portarle in studio con i produttori Joseph Rodgers e Pete Robertson, suoi collaboratori da Loveworm

Lì, hanno contribuito a raffinare una gamma di chitarre elettriche e acustiche che si appoggiano pesantemente sui riff rock.

Dice che Fake It Flowers è uno dei suoi più onesti pezzi di scrittura perché la cattura in un punto fondamentale, non solo nella sua carriera, ma nella sua vita:

«Sto ancora crescendo, devo ancora capire certe cose e fare un sacco di errori, e sono ancora molto stupida, ma fa tutto parte dell’apprendimento» dice.

Laus ha ancora un sacco di sogni da realizzare, tra cui stabilirsi, avere figli e diventare un’ insegnante di scuola materna. Fino ad allora, vuole «ispirare, o sperare di ispirare, persone proprio come me. O ragazze che erano come me quando avevo 15 anni».

Articolo Precedente
Kylie Minogue, foto Charlie Gray

Kylie Minogue: «La "Disco" non è solo spensieratezza»

Articolo Successivo
Diodato presenta i concerti di un'altra estate, foto di Mattia Zoppellaro

MTV EMAs 2020: dai BTS a Diodato, tutti i vincitori della serata

Articoli correlati
Total
3
Share