Bad Bunny chiude il 2020 con “El Último Tour del Mundo”

Come promesso nel teaser di lancio, Bad Bunny ha pubblicato nella notte il chiacchierato progetto e il videoclip ufficiale di YO VISTO ASÍ
Bad Bunny (fonte: Instagram)

Fino a qualche anno fa sarebbe stato difficile credere che un album devoto al reggaeton old school e ai codici di Porto Rico come YHLQMDLG potesse affermarsi come uno dei top seller del 2020. Eppure Bad Bunny ci è riuscito, consolidando un’egemonia sulla latin music che dura ormai da un paio d’anni. Anche per questo, le possibili voci di un ritiro a 9 mesi di distanza da quel disco di febbraio avevano scosso l’ambiente.

Ma non è più tempo di congetture. La parola passa alla musica del Conejo: i 9 mesi sono passati, nel mezzo c’è stato spazio anche per Las Que No Iban a Salir e come promesso El Último Tour del Mundo è qui, con tanto di pirotecnico videoclip ufficiale del singolo YO VISTO ASÍ.

Oltre alle tante conferme sulle indiscrezioni riportate negli ultimi giorni (come la presenza di Rosalía in LA NOCHE DE ANOCHE), fin dai primi ascolti non sono mancate le sorprese. Una su tutte, la sonorità con cui Bad Bunny ha vestito i suoi testi.

Certo, ai fan più attenti non sarà sfuggita una parziale continuità con il finale del precedenteYHLQMDLG.

Le componenti rock ed emo-rap che conferiscono a numerosi passaggi del nuovo album un passo differente rispetto al vecchio progetto (dove prevale il perreo) sono infatti rintracciabili in forma embrionale in Hablamos Mañana, collaborazione con la star argentina Duki e il crack cileno Pablo Chill-E.

Ma al di là di questa eco, non aspettatevi troppa vicinanza tra due progetti. Gli spiriti e gli stati emotivi non combaciano, ed è stato lo stesso Bad Bunny a sottolineare le differenze in un’intervista esclusiva appena rilasciata a Billboard.

«[El Último Tour del Mundo] è completamente differente da YHLQMDLG. Si tratta di un album più sentimentale e chill, è il genere di progetto da ascoltarsi in camera. Rido perché la gente continuava a farmi notare che insistevo con il perreo nel periodo in cui era vietato andare a ballare. Ora non potete lamentarvi. Questo è un album pensato per farvi stare in casa, a rilassarvi con una birra o un bicchiere di vino».

Ascolta El Último Tour del Mundo

Articolo Precedente

Deriansky: il nuovo album "Qholla", spiegato pezzo per pezzo

Articolo Successivo

Livio Cori: «Con "Femmena" ho trovato il focus, non credevo di farcela»

Articoli correlati
Total
234
Share