Jorja Smith torna con il nuovo singolo “Addicted” (con tanto di video)

L’ultimo brano inedito di Jorja Smith risale a ottobre 2020. Ai tempi uscì Come Over, l’apprezzata collaborazione con il giamaicano Popcaan
Jorja Smith / fonte: ufficio stampa
Jorja Smith / fonte: ufficio stampa

Sembra passato un secolo da Lost and Found (2018), apprezzato debut album nominato ai Grammy che consacrò definitivamente Jorja Smith nel panorama musicale internazionale. In tantissimi l’avevano scoperta grazie al suo ep Project 11 o alla partecipazione in More Life di Drake, ma quell’album rimane un capitolo decisivo della sua carriera con cui tutto quello che è arrivato dopo si è dovuto confrontare.

Puglia Sounds Plus

Nel mezzo la cantautrice non è certo sparita, anzi. Giusto a fine gennaio vi segnalavamo l’approdo sulle piattaforme streaming dell’incontro tra JS e dell’orchestra tedesca WDR Funkhausorchester. Ma la voglia dei supporter di potersi godere un nuovo corposo progetto firmato dalla loro beniamina era e rimane forte. Ancora non sappiamo quando sarà possibile. Ma c’è una buona notizia, che farà felice l’intera fan-base.


Fortunatamente la cantante britannica classe ’97 ha deciso di non rimanere in silenzio in questo avvio di 2021, pubblicando un nuovo brano a mesi di distanza dall’ultimo inedito Come Over, realizzato con l’artista giamaicano Popcaan e pubblicato il primo giorno d’ottobre scorso. Questa volta si tratta di Addicted, singolo accompagnato da un videoclip ufficiale diretto dalla stessa Jorja Smith e Savanah Leaf. Riguardo al corto, girato in Inghilterra con una webcam, l’artista ha commentato: «Nel video ci sono più versioni di me che cantano la canzone; mi diverto a vestirmi, senza provare ad essere troppo seriosa e dandomi più libertà».

Puglia Sounds Plus

Articolo Precedente
Beyoncé

Beyoncé supporta Meghan Markle. E i fan chiedono l'intervista di Oprah a Britney

Articolo Successivo
Leo Meconi - Paolo Fresu - You Can Trust Me - anteprima

Guarda in anteprima il video di "You Can Trust Me" di Leo Meconi feat. Paolo Fresu

Articoli correlati
Ludovico Einaudi
Leggi di più

Con “Underwater” Ludovico Einaudi e il suo piano ci fanno volar via dalla frenesia. L’intervista.

Un ritorno alla semplicità per il pianista e compositore molto amato in tutto il mondo che dopo il successo dell’album "Cinema", con le sue colonne sonore più famose tra cui quelle dei due film più premiati della stagione cinematografica, vincitori di Oscar, Bafta e Golden Globe, "Nomadland" e "The Father", si concentra solo sul pianoforte, alla ricerca di un suono particolarissimo

Total
5
Share