“Strappami la pelle a morsi”: in anteprima il nuovo video di centomilacarie

Il giovane talento di Maciste Dischi farà il suo esordio live al MI AMI 2022
centomilacarie - strappami la pelle a morsi - anteprima
centomilacarie (fonte: ufficio stampa)

Il 13 aprile è uscito Strappami la pelle a morsi, il nuovo singolo del giovane cantautore centomilacarie disponibile su tutte le piattaforme digitali per Maciste Dischi. Accompagna il brano un videoclip ufficiale che vi presentiamo qui in anteprima.


La produzione è di Mila Moon (già collaboratrice di artisti del calibro di Powfu) e Jacopo Senigallia. Una strumentale dalle sonorità sporche e lo-fi che accompagna l’urgenza espressiva della voce di centomilacarie.


«Quando ho scritto Strappami la pelle a morsi, niente mi sembrava reale», spiega l’artista. «Avevo 15 anni e all’inizio doveva essere solo uno sfogo sul mio diario, una specie di dialogo. Ogni volta che lo aprivo e scorrevo tra le pagine leggevo qualcosa di diverso, ogni volta ritrovavo tra le parole un dettaglio o un’immagine nuova, come se facessi una parafrasi delle mie stesse frasi. Così è nata la canzone, come una cinepresa che registra vecchi pensieri scritti su un foglio, in continua trasformazione».

E ancora: «Scrivevo di lei per immaginarla ancora di fianco a me. Un anno dopo l’ho pubblicata su SoundCloud e ho iniziato a scrivere con più costanza altre canzoni. Combatto i miei tanti mostri grazie alla musica e con la musica ne creo di nuovi, forse ancora più cattivi».

centomilacarie è Simone, nasce in provincia di Varese nel 2004. Inizia a suonare a 5 anni il violino per poi avvicinarsi alla chitarra e al pianoforte senza riuscire mai a leggere pentagrammi e spartiti perché affetto da disgrafia. La colonna sonora di Final Fantasy, XXXTentacion e Michael Jackson sono stati i suoi più grandi riferimenti musicali. Nel 2022 viene annunciato in line-up al MI AMI, dove farà il suo debutto live.

Guarda in anteprima il video di Strappami la pelle a morsi di centomilacarie


Articolo Precedente
Francesco Bianconi Malika Ayane

Francesco Bianconi e il brano con Malika: «Manca una rivoluzione del pensiero dall'Illuminismo»

Articolo Successivo

Bipuntato racconta "Cose Sparse" traccia per traccia

Articoli correlati

Total
12
Share