Mentre parla del nuovo disco Eterno (in uscita il 9 febbraio per la Sugar Music) ha il sorriso e la pacatezza di chi sa di aver fatto un progetto sincero. E in effetti è proprio così. Giovanni Caccamo è tra gli artisti in gara alla 68esima edizione del Festival di Sanremo con Eterno: «È un brano che riassume tutta la luce dell’album. Il titolo originale della canzone era L’Amore Può Salvare», ci ha raccontato.

A guardarci bene, Caccamo non è abituato a cantare canzoni d’amore. Nei suoi precedenti progetti, il giovane cantautore siciliano non aveva mai approfondito questa tematica come, invece, ha deciso di fare oggi. Il motivo? «Mi sono follemente innamorato», ha confessato. «Il mio obiettivo è quello di fare classifica sull’anima delle persone. Vorrei colpire il cuore della gente con un idrante di vernice bianca, di positività. Oggi siamo circondati da crisi, nero, buio. Ci dicono che tutto va a rotoli. Sono cazzate», ha spiegato. «L’amore è la soluzione al pessimismo che viviamo oggi. L’amore per i propri genitori, per la vita, per gli amici, per Dio, per le persone che scegliamo di avere accanto».

La videointervista di Billboard Italia a Giovanni Caccamo:



L’introduzione a questo dialogo è la prima traccia Puoi Fidarti di Me. Ma nella tracklist (breve: sono 8 canzoni), c’è anche la cover del brano La Sua Figura di Giuni Russo: «In questo brano c’è la rappresentazione musicale del dialogo tra l’uomo e Dio». Una reinterpretazione davvero emozionante. Ascoltare per credere.

Le otto tracce presenti in Eterno sono delle polaroid di un racconto delicato ma preciso del cantante che, forse, oggi si sente più a suo agio nello svelarsi a chi lo ascolta: «Sono tutte tendenzialmente tracce acustiche, che nascono piano e voce, orchestrali. L’unica mid tempo è Bisogno di Tutto, che sarà il secondo singolo».



Nella serata delle cover, Giovanni Caccamo duetterà con Arisa: «Siamo molto amici. Condividiamo momenti di follia, di musica, di intensità umana e artistica. Prima che iniziassi a fare questo viaggio musicale, ricordo ancora la sua esibizione ne La Notte. Mi rapì completamente. È riuscita a fare colpo sull’anima delle persone. Ed è la stessa cosa che vorrei fare io».