Guarda in anteprima la live session di “Vorrei Che Fosse Odio” di Assurditè

La cantautrice milanese aprirà la nuova edizione del MI AMI (che torna dopo due anni di stop) il 27 maggio
Assurditè - Vorrei Che Fosse Odio - anteprima - foto di Martina Trotta
Assurditè (foto di Martina Trotta)

Dopo due anni, venerdì 27 maggio, sarà la voce di Assurditè a infrangere il silenzio del palco del MI AMI. In attesa di questo evento l’artista ha deciso di regalare al suo pubblico una performance live del suo ultimo singolo Vorrei Che Fosse Odio, prodotto da Giordano Colombo e Bravo, Bravissimo. Vi presentiamo oggi il video in anteprima.


“Vorrei che fosse odio, ma invece è amore”: con queste parole così semplici e dirette Assurditè infonde la giusta dose di malinconia già dal primo ascolto. «C’è chi spera che sia amore, io avrei preferito fosse odio», dice lei. «Mi piace pensare che questa canzone parli al posto mio, confessa la mia fragilità sentimentale ed emotiva negli argomenti legati all’amore. Sto citando volontariamente Mina, trasformando la sua “Vorrei che fosse amore” in una ballad malinconica fatta su misura. Vorrei che fosse odio nasce davanti a un pianoforte ed è tratta da una storia vera».


E ancora: «È stato un pomeriggio meraviglioso quello passato ad auditoria records», dice a proposito della live session. «Si è creato molto facilmente un mood intimo. Ho deciso di eseguire Vorrei Che Fosse Odio così come è nata. La prima bozza esistente della canzone era piano e voce, come tutti gli altri brani scritti da me. Sono felice di essermi messa a nudo in questa live session, senza trucchi strani o acconciature appariscenti, niente cose assurde, solo Assurditè».

La live session di Vorrei Che Fosse Odio di Assurditè

Assurditè – Bio

Chiara Balzan, in arte Assurditè, cantautrice classe 1999, nasce nell’hinterland di Milano. Inizia il suo percorso di studi musicali all’età di 11 anni. Frequenta varie scuole di musica, seguendo corsi di tecnica vocale, musical, coro, composizione e pianoforte. Inizia a scrivere canzoni all’età di 17 anni lasciandosi ispirare dal cantautorato e dall’indie pop italiano e tenendo a cuore cantanti iconici come Ella Fitzgerald e Chet Baker.

A marzo 2020 pubblica i primi singoli Altro da Dire e Bacio a Distanza. Nel 2021, a maggio, pubblica Flora, che le fa ottenere la cover della playlist “Fresh Finds” di Spotify e le fa vincere la targa Banca Macerata per la “Miglior performance della serata” in seguito alla sua esibizione durante il concorso “Musicultura 2021”. A novembre scorso è uscito il singolo Pubblicità. Vorrei Che Fosse Odio è il suo ultimo singolo, uscito a febbraio.


Articolo Precedente
FASK Fast Animals and Slow Kids

FASK, tra nuovo singolo e aneddoti, finalmente si torna in tour. L'intervista

Articolo Successivo
Michael Bublé - Higher - 1

Michael Bublé: «Nessuno sa fare dischi di standard meglio di me!»

Articoli correlati

Total
3
Share