Guarda in anteprima il video di “Manicomio” di Caleydo

Il nuovo singolo del giovane talento urban originario di Vicenza racconta una storia d’amore difficile, in cui serve demolire tutto per costruire qualcosa di sano
Manicomio - Caleydo
Caleydo (fonte: ufficio stampa)

Manicomio è il nuovo inedito di Caleydo, artista vicentino classe 2000 che ha pubblicato i primi singoli ufficiali fra 2020 e 2021. Oggi conosciamo meglio questo giovane talento urban con l’anteprima del videoclip che accompagna il brano.


Caleydo racconta di una storia d’amore difficile, tossica, rappresentata dalla metafora del manicomio come luogo fisico, che sta però cadendo a pezzi. La riflessione di fondo è che, probabilmente, serve demolire tutto per costruire qualcosa di sano. Ma è tutt’altro che facile.


Prodotto da Movimento (producer di fiducia di Nashley), il brano sugella il sodalizio tra il produttore e Caleydo, che si diverte a sperimentare mentre plasma la sua cifra stilistica definitiva. Lo fa mettendo insieme chitarre distorte, energiche e incalzanti, con una ritmica quasi da club, danzando tra rock, pop e rap, creando le atmosfere perfette per la sua penna.

Guarda in anteprima il video di Manicomio di Caleydo

Caleydo – Bio

Alessandro Motterle, in arte Caleydo, classe 2000, è nato e cresciuto nella provincia di Vicenza. I suoi primi rapporti con arte e musica iniziano in tenera età. Si appassiona al rap nei primi anni delle superiori, affascinato dal freestyle di strada e iniziando a partecipare alle prime battle. Assieme ad alcuni amici fonda lo studio musicale Monalisa, recuperando un vecchio magazzino e trasformandolo completamente. Questo diventerà in breve tempo un punto di riferimento e luogo di passaggio e incontro per vari esponenti della scena vicentina e nazionale. A cavallo tra 2020 e 2021 pubblica i suoi primi singoli ufficiali: Angeli, Ruggine, Guerra e Nel Vuoto.


Articolo Precedente
Calibro 35 - foto di Chiara Mirelli - 1

I Calibro 35 ci raccontano le nuove ristampe dei loro dischi

Articolo Successivo
Stromae

Stromae: «Pensavo che per essere creativi fosse necessario soffrire, ma ho cambiato idea»

Articoli correlati

Total
3
Share