Collegati con noi

INDIE

Immediatezza e genuinità: Q&A con i Bud Spencer Blues Explosion

“Vivi Muori Blues Ripeti” è nuovo ed esplosivo album dei Bud Spencer Blues Explosion, uscito per La Tempesta Dischi

Dopo quattro anni di silenzio Cesare Petulicchio e Adriano Viterbini tornano a far sentire le loro voci unite in Vivi Muori Blues Ripeti, nuovo ed esplosivo album dei Bud Spencer Blues Explosion, uscito per La Tempesta Dischi. Le parole chiave sono Collettività e Sincerità. Collettivo per l’impatto delle collaborazioni, soprattutto nei testi di Davide Toffolo e Umberto Maria Giardini. Sincero per le emozioni che trasmette, metabolizzate e messe in musica in un anno e mezzo di lavoro. Emozioni che si riflettono anche nelle modalità di registrazione: inciso in analogico – su nastro – dall’abile Marco Fasolo (dei Jennifer Gentle), arriva alle orecchie dell’ascoltatore come pura urgenza di vita.



Il primo disco che avete amato alla follia?

[Adriano] Three Sides to Every Story degli Extreme.
[Cesare] Unplugged di Eric Clapton, il primo CD che ho comprato.

L’artista italiano e quello internazionale più sottovalutati?

[A] Fra gli internazionali il chitarrista Teddy Bunn. Di italiani – sicuramente farò un torto a mille altri – mi viene in mente il chitarrista (nato in Olanda) Peter Van Wood.
[C] Sottovalutati non saprei, ma ho una lunga lista di sopravvalutati…

Tre band o artisti che avreste voluto vedere ma non siete mai riusciti a farlo?

[A] Elliott Smith, Jeff Buckley, Ali Farka Touré.
[C] Jimi Hendrix, The Doors, Sonic Youth.

La copertina più bella di sempre?

[A] Blue Album degli Weezer.
[C] Atom Heart Mother dei Pink Floyd.

Vinile, CD, streaming o download: come ascoltate la musica?

[A] Compro su iTunes, nei negozi, nei mercatini o su Amazon, scopro viaggiando e approfondendo.
[C] Scopro su Spotify, poi compro CD o LP.

La città dove avete visto i locali più belli?

[A] Seattle e Roma.
[C] Showbox di Seattle e il The Fillmore di San Francisco.

La colonna sonora più bella di sempre?

[A] Quella di Paris, Texas.
[C] The Blues Brothers, naturalmente.

La canzone perfetta da ascoltare il giorno del proprio compleanno?

[A] La Bamba di Richie Valens.
[C] Perfect Day di Lou Reed.

E per fare l’amore?

[A]
They Say I’m Different di Betty Davis.
[C] That’s Life, Tho (Almost Hate to Say) di Kurt Vile.

E per sfogare la rabbia?

[A] In the Meantime dei Helmet.
[C] You Know You’re Right dei Nirvana.


Q&A Extra

Da dove nasce il titolo Vivi Muori Blues Ripeti?

[A] Ero in Australia a suonare e un amico (Tommaso Colliva) mi fece notare su un case di un amplificatore un adesivo con su scritto “Eat Sleep Blues Repeat”. L’idea nasce così.

Qual è il cambio più notevole presente nel vostro nuovo disco?

[A] L’immediatezza, la genuinità.
[C] La ricerca del bello nella semplicità.

Vi siete mai ripresi della Metereopatia?

[A]
Voglio fare la nuvola.
[C] Mai.


Ascolta Vivi Muori Blues Ripeti dei Bud Spencer Blues Explosion in streaming

Biagio Antonacci ci racconta il suo album "Chiaramente Visibili dallo Spazio" Biagio Antonacci ci racconta il suo album "Chiaramente Visibili dallo Spazio"

Biagio Antonacci ci racconta il suo disco “Chiaramente Visibili dallo Spazio”

ITALIANA

I Subsonica viaggiano nel tempo con "Microchip temporale": la nostra intervista I Subsonica viaggiano nel tempo con "Microchip temporale": la nostra intervista

Il viaggio dei Subsonica con “Microchip Temporale”: la nostra intervista

ELECTRO

Livio Cori a 360 gradi (dopo Sanremo, Gomorra e Liberato)

HIPHOP

Cos'è "La Differenza" per Gianna Nannini? La nostra intervista Cos'è "La Differenza" per Gianna Nannini? La nostra intervista

Cos’è “La Differenza” per Gianna Nannini? La nostra intervista

ITALIANA

Copyright © 2019 Billboard Italia

Connect
Newsletter Signup