“Socialismo Tropicale”: il ritorno de Lo Stato Sociale (prima di Sanremo)

La band di “Amarsi Male” è nel cast del prossimo Festival della canzone italiana. Il nuovo singolo ha una tematica molto forte
Lo Stato Sociale

Da Bologna a Sanremo il percorso è più breve del previsto. Lo Stato Sociale, band emiliana dai suoni indie elettropop, hanno pubblicato solo nove mesi fa il loro album Amore, Lavoro e Altri Miti da Sfatare, un lavoro che li ha portati a esibirsi in tutta Italia (Forum di Assago compreso). Ma non è tutto: i ragazzi del gruppo parteciperanno al prossimo Festival della canzone italiana con il brano Una Vita in Vacanza.


È appena uscito il loro nuovo brano, Socialismo Tropicale, una canzone in ricordo delle vittime della tragedia di Portopalo (avvenuta tra il 24 e il 25 dicembre 1996), nella quale sono morte in mare 283 persone nel tentativo di arrivare nel nostro Paese.


I componenti de Lo Stato Sociale hanno raccontato: «È forse la prima strage di migranti nel Mediterraneo. Da allora hanno perso la vita oltre 30mila persone cercando di raggiungere l’Italia. I recenti accordi UE-Italia-Libia non fanno altro che spostare il confine sulla costa nord africana dove ora gli uomini che tentano di muoversi attraverso i continenti vengono vessati in condizioni disumane e addirittura battuti all’asta come schiavi». E hanno concluso: «Questa canzone parla di confini e della voglia di abbatterli per un mondo migliore».

Il videoclip è stato girato a Lampedusa da Davide Spina.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articolo Precedente

Un cofanetto speciale per i 45 anni dal primo disco dei Roxy Music

Articolo Successivo
Chiara Galiazzo

Chiara Galiazzo: in arrivo un duetto con Leo Stannard in "Gravity"

Articoli correlati
24 grana
Leggi di più

Quando fare musica a Napoli era come produrla a Bristol: un quarto di secolo per i 24 Grana. Un memoir in esclusiva

Negli anni '90 la scena musicale napoletana creò una magica connessione con ciò che succedeva a Bristol con il trip hop, non solo per il legame di sangue di Robert Del Naja dei Massive Attack con la città partenopea, ma per tantissimi altri mille motivi. I 24 Grana facevano parte di quel movimento irripetibile per sincretismo e autenticità con gli UK. Domani tornano in tour

Total
0
Share