Colapesce: è online il video (horror) di “Sospesi”

È online il videoclip di “Sospesi” di Colapesce con Valentina Lodovini. Dall’11 gennaio il cantante porterà in tour l’ultimo disco “Infedele”
Un’immagine del videoclip di “Sospesi” di Colapesce

Un modo decisamente insolito per augurare un buon Natale ai suoi fan. Colapesce (all’anagrafe Lorenzo Urciullo) sembra non apprezzare molto questo periodo dell’anno. Il suo ultimo singolo Sospesi, infatti, recita: “Saremo sospesi dal 20 al 28 dicembre. Fanculo le feste, i regali, i cenoni, i panettoni”. Ma non solo. Oggi è stato pubblicato il videoclip ufficiale di Sospesi che, come tutto il disco Infedele, è stato prodotto da IOSONOUNCANE e Mario Conte.



Si tratta di un cortometraggio dall’atmosfera poco natalizia, nonostante le scene con i maglioni invernali e gli addobbi per l’albero. Il video – che vede la partecipazione di Valentina Lodovini – è un insieme di rimandi al cinema horror degli anni Settanta. Vedere per credere.

Colapesce (Premio Tenco nel 2012) sta preparando una tournée, che verrà anticipata da un concerto a Capodanno in piazza del Plebiscito ad Ancona.

Le date del tour di Colapesce

11 gennaio 2018 – Milano, Santeria Social Club (+ Barbagallo)

12 gennaio 2018 – Torino, Cap10100, in collaborazione con TOdays Festival (+ Barbagallo)

18 gennaio 2018 – Bologna, Antoniano CinemaTeatro (+ Andrea Poggio)

19 gennaio 2018 – Roma, Auditorium Parco della Musica, Sala Sinopoli (+ Andrea Poggio)

24 gennaio 2018 – Catania, Cine teatro Odeon Catania (+ Barbagallo)

26 gennaio 2018 – Conversano (BA), Casa delle Arti (+ Barbagallo)

27 gennaio 2018 – Napoli, Hart (+ Alì)

2 febbraio 2018 – Mestre (VE), Argo16, Ex Spazio Aereo (+ Marco Iacampo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo Precedente

Mr. Rain: il nuovo album è "Butterfly Effect"

Articolo Successivo

Il progetto R + R = NOW porta la black music al Locus Festival

Articoli correlati
Leggi di più

La ricetta musicale unica dei The National

"Sleep Well Beast" dei The National è stato proclamato Best Alternative Music Album ai Grammy Awards nell’anno concluso sotto il segno del trumpismo più spinto. Quasi un contrappasso per chi abbinò una canzone di un repertorio agli inizi a un volto come quello di Barack Obama nel 2008
Total
1
Share