Calcutta selezionerà le canzoni in gara allo Zecchino d’Oro

La giuria della kermesse musicale sarà composta, oltre che dal cantante indie Calcutta, da Rudy Zerbi, Cristina d’Avena e Arianna
Calcutta (foto di Stefano Bazzano)

Quest’anno i brani in gara allo Zecchino d’Oro dovranno passare la selezione di un gruppo di giudici d’eccezione. La giuria con il compito di scegliere le canzoni per il 2021 sarà composta da Rudy Zerbi, Cristina d’Avena, Arianna Bergamaschi e il cantautore Calcutta. Quest’ultimo rappresenta certamente una presenza inaspettata, che contribuirà a lanciare ulteriormente l’appuntamento canoro via social, facendolo arrivare a sempre più persone. I protagonisti, in ogni caso, rimangono i piccoli cantanti in erba, che tenteranno di passare il vaglio della variegata commissione composta da professionisti della musica e dello spettacolo.


Per i più grandi, c’è molta curiosità attorno al 2021 di Calcutta, che registra con questa partecipazione una delle primissime mosse del suo anno professionale. Il biennio 2018-2019, che permise al fortunatissimo progetto Evergreen di vedere la luce e di completarsi in due atti, sembra lontano ere geologiche. Ma sappiamo quanto i ritmi dell’industry possano distorcere la nostra percezione del tempo. In ogni caso, i fan del cantautore si augurano che alla selezione segua la pubblicazione di nuovo materiale. Tornando indietro con la memoria, lo avevamo lasciato a fine dicembre 2020 con Blue Jeans, singolo di Franco126 che vedeva proprio la collaborazione di Calcutta e può vantare già oltre 7 milioni di stream. Che i tempi siano finalmente maturi?

La 64esima edizione dello storico evento musicale più amato dai bambini si terrà a dicembre. I bambini tra i 3 e i 10 anni che vorranno partecipare ai casting, dovranno ovviamente farlo da remoto per via delle restrizioni imposte dalla pandemia. Le stesse che costrinsero la scorsa edizione ad optare per le medesime modalità online.



Articolo Precedente
Lucio Dalla

Un venerdì all'insegna di Lucio Dalla: domani fuori "GENIALE?"

Articolo Successivo
Gianni Morandi

Gianni Morandi ricoverato per ustioni a gambe e mani

Articoli correlati
Leggi di più

Londra e reggae: un connubio mai sopito – Intervista a Hollie Cook

Lei è figlia d'arte: Paul Cook suonava la chitarra nei Sex Pistols e la madre, Jeni, era una delle coriste dei Culture Club. Hollie Cook è cresciuta ascoltando tonnellate di musica reggae e per il suo terzo album in studio "Vessel of Love" ha chiamato in studio alcune leggende del post punk: Martin Glover, Jah Wobble, Keith Levene

Total
26
Share